Bot Instagram sì o no? I migliori 5 per aumentare follower e auto like

Condividilo con i tuoi amici!
FacebookWhatsAppFacebook MessengerGoogle+LinkedIn

Automatizzazione = bot Instagram

Nel 2018, avere un profilo Instagram con tanti follower, ben curato nei contenuti e proattivo è assolutamente fondamentale, sia che tu voglia avviare e far crescere il tuo primo business online, sia nel caso ti occupi di marketing e comunicazione per un’azienda.

In entrambi questi casi, utilizzare un bot Instagram per automatizzare attività come seguire altri profili, mettere like e commentare i contenuti dei profili in target con la tua nicchia di mercato, ed inviare direct message è diventata un’esigenza necessaria per garantire una crescita costante del proprio account.

In questa guida, che aggiorno costantemente, troverai i migliori software in circolazione sul web per aumentare i tuoi follower, fare auto like o tutte quelle attività che possono essere svolte da un robot, anziché da un essere umano.

Prima di iniziare, se il tuo obiettivo è far crescere velocemente il tuo account Instagram e magari guadagnare dei soldi con questo social network, ti consiglio di seguire il miglior corso in circolazione su questo argomento: Instagram On Fire.

Si tratta di un corso realizzato da Stefano Mongardi e Dario Vignali, due tra i maggiori esperti italiani sulla crescita e sulla monetizzazione di account Instagram. A mio avviso è la risorsa più avanzata in Italia sull’argomento e ti consentirà di trasformare la tua presenza su Instagram in una vera e propria macchina da soldi. Di seguito, trovi un report gratuito, che ti sarà di aiuto per iniziare alla grande 😉

Bot per Instagram: sì o no?

In giro se ne leggono, e sentono, veramente di tutti i colori: bot per Instagram sì o no?

Ci sono delle motivazioni valide per entrambe le categorie di pensiero, sia per coloro che usano regolarmente i bot e non ne farebbero a meno neanche se diventassero improvvisamente illegali e coloro che invece fanno tutto a mano, che investono ore ed ore del proprio tempo a far crescere il proprio profilo, e che sono totalmente contrari all’introduzione dell’automazione su Instagram.

Vediamo, allora, quali sono le motivazioni principali dell’una e dell’altra scuola di pensiero.

Sì al bot: 5 ragioni

Utilizzare un bot è bene, per almeno 5 ragioni:

1. automatizzare compiti ripetitivi: ti assicuro che seguire persone, cercare gli hashtag della propria nicchia di interesse, mettere like e commenti ai contenuti, inviare DM…sono compiti assolutamente noiosi perché implicano la ripetizione della stessa azione per migliaia di volte. Impossibile non stancarsi e decidere, prima o poi, di mandare tutto al diavolo!

2. lavorare sul business: se vuoi fare business e diventare un imprenditore digitale, non dovresti lavorare tutto il giorno nel business (ovvero eseguendo mansioni strettamente operative), ma dovresti invece elaborare strategie, stringere partnerhip, fare networking…insomma tutte quelle che attività di tipo direttivo, a cui un imprenditore deve pensare per aumentare i profitti. Ovvero, lavorare sul business 😉

3. risparmiare tempo in azienda: a meno che tu non ricopra il ruolo di “Instagram growth manager” (che credo proprio non esista sulla faccia della Terra), avrai tante altre mansioni da svolgere, all’interno dell’azienda per la quale lavori. Ecco perché, se ricopri la posizione di social media manager oppure di digital marketing manager, sarà piuttosto probabile che tu abbia da svolgere decine di altre attività, oltre che aumentare i follower del brand aziendale…di conseguenza, automatizzare is “the correct way

4. guadagnare con l’affiliate marketing: conosco decine di persone che possiedono centinaia (esatto, centinaia) di account Instagram in un enorme quantità di nicchie di mercato, il cui obiettivo è solamente quello di monetizzare velocemente. Niente personal branding, niente crescita sostenibile. Questi marketer spesso utilizzano pratiche al limite della regole consentite da Instagram, e quando Instagram decide di chiudere uno dei loro account, ciò che fanno loro è…aprirne un altro 🙂

5. diventare influencer: se il tuo obiettivo è quello di diventare famoso su Instagram, utilizzare un bot può aumentare notevolmente il tuo tasso di crescita e consentirti di attirare rapidamente le attenzioni di agenzie di influencer marketing e brand, che sono pronti a pagare somme di denaro anche molto elevate, per farti fotografare o fare video insieme ai loro prodotti e servizi

No al bot: perché?

Coloro che si dichiarano contrari all’utilizzo dei bot, invece, lo fanno principalmente per un motivo: il bot manca di interazioni caratterizzate da calore umano e tende a gonfiare i numeri di un account, che non hanno un engagement commisurato alla quantità effettiva dei follower.

È una considerazione assolutamente intelligente..tuttavia ci tengo a chiarire perché non mi trova totalmente d’accordo. Può essere vero che i commenti lasciati dai bot siano riconoscibili, in quanto caratterizzati da parole come “Nice“, “Ok“, “Good” o …tuttavia è altrettanto vero che è sufficiente evitare di programmare in un modo così basico il proprio bot ed evitare di delegargli azioni come i commenti random.

Senza dubbio i commenti creano un engagement superiore rispetto ad un semplice like, ma è altrettanto vero che i commenti dovrebbero essere lasciati con l’obiettivo di stringere poi delle vere relazioni.

Per questo motivo, il mio parere è quello di evitare di far commentare al bot i contenuti, in modo totalmente indifferenziato. Se scrivi a qualcuno, fallo perché desideri creare una vera relazione, e quindi dedica qualche minuto del tuo tempo ad elaborare dei commenti reali ed intelligenti.

Sull’altra obiezione, quella relativa agli account gonfiati, mi sento di affermare che è assolutamente naturale non avere un engagement commisurato ai follower, se non hai una strategia editoriale di pubblicazione di contenuti.

Se, però, elabori un calendario editoriale, con contenuti di qualità, interessanti e di valore per i tuoi follower, allora vedrai che i like, i commenti e i repost ricevuti saranno commisurati alla quantità di seguaci del tuo account.

Ti suggerisco di lavorare, in primis, sempre su contenuti top, e poi di integrarli con tecniche di crescita dell’account, contest e con l’utilizzo di Instagram bot. In questo modo, non lascerai nessun fronte scoperto e raggiungerai risultati eccezionali, e allo stesso tempo credibili per chi visita il tuo account 

Migliori bot Instagram followers e auto like

È arrivato il momento di spostarci sul lato tecnico e di scoprire quali sono i migliori bot Instagram in circolazione sul web.

Una breve premessa: presta attenzione nell’utilizzo dei bot.

Cosa significa?

Che non devi esagerare. Un bot dovrebbe simulare, nel modo più simile alla realtà, il comportamento di un essere umano. Ciò significa che nessun essere umano sarebbe capace di seguire 100 account al minuto, lasciare 50 like, scrivere 20 commenti, inviare 70 direct message.

Chiaro il concetto?

L’algoritmo di Instagram riesce a riconoscere perfettamente un comportamento totalmente innaturale da un comportamento umano. E ti assicuro che, se utilizzi in modo sprocedato il bot, ti beccherai quasi sicuramente un blocco temporaneo.

Blocco temporaneo significa che non potrai utilizzare in alcun modo il tuo profilo per qualche giorni, ed una volta terminato, Instagram ti dedicherà delle attenzioni particolari, per assicurarsi che tu non ripeta questo comportamento scorretto.

Se perseveri nell’utilizzare in modo esagerato il bot, è molto probabile che il tuo account verrà chiuso. Quindi agisci con razionalità, strategizzando le azioni che dovrà effettuare il tuo assistente digitale.

1. Instagrow

instagrow

Instagrow è l’unico bot Instagram in italiano che ho trovato. Il fatto di lavorare con un software in italiano ha i suoi grandi vantaggi, innanzitutto per il fatto che è calibrato sulle esigenze di un profilo italiano, con un target di pubblico prevalentemente italiano, come immagino sia te.

Il bello di questo servizio è che c’è un team di persone reali che si prende cura, in maniera puntuale, del tuo account e ne individua la nicchia in cui operi, in modo tale da aiutarti ad aumentare follower e likes perfettamente in linea con la nicchia di mercato in cui operi.

Questa è un’ottima cosa, visto che per creare engagement è necessario condividere i propri contenuti con persone potenzialmente interessate, ed evitare una crescita del profilo a casaccio.

Instagrow ti permette di scegliere tra due pacchetti: uno settimanale, al prezzo di 6 euro al giorno, e l’altro mensile, per 4 euro al giorno, che ti consente anche di optare per la possibilità di scegliere solamente tra follower italiani.

Estremamente utile, sopratutto se ti occupi di target in lingua italiana. Vai al sito.

2. Instalex

instalex

Instalex è una vera e propria bomba. Ha una quantità di opzioni sulle funzionalità di auto like e auto follower tale da permetterti di replicare, in maniera molto precisa, le azioni che un essere umano metterebbe in pratica, se dovesse far crescere manualmente un profilo.

Pensa che c’è addirittura la possibilità di impostare una funzione “Night Pause“, che interrompre i flussi di attività in concomitanza delle ore notturne, quando appunto in teoria una persona dovrebbe dormire. Altra funzionalità che mi ha impressionato è quella relativa alla possibilità di selezionare un’età media del target ideale per i tuoi contenuti.

Prova gratuita per 3 giorni, e poi possibilità di scegliere pacchetti mensili, a partire da 13 dollari. Vai al sito.

3. Followadder

followadder

Followadder è un software da scaricare sul proprio PC e da settare manualmente per tutte quelle funzioni che vanno dall’auto like, all’auto followers, sino allo scheduling e alla ricerca degli hashtag.

Te lo consiglio soprattutto se hai già avuto altre esperienze con i bot Instagram oppure se sei un minimo skillato nell’utilizzo di software per PC. Se invece sei alle prime armi, ti suggerisco di visitare la sezione Support, dove troverai sia delle guide per iscritto, sia dei video tutorial che ti insegneranno ad imparare ad usare efficacemente Followadder.

Relativamente al prezzo, questo è un servizio ad abbonamento semestrale. In tutti pack sono disponibili la totalità delle funzioni. Ciò che cambia è la possibilità di gestire, ed utilizzare il bot, su più account. I prezzi partono da 49,99 dollari (appena 8 al mese) per la gestione di un unico account fino ad un massimo di 425 dollari per 25 account. Vai al sito.

4. Instazood

instazood

Instazood è specializzato su follow, like, commenti ed unfollow. È piuttosto comodo da utilizzare anche tramite smartphone, in quanto ha un’interfaccia grafica ottimizzata per ogni tipo di device. Si tratta di un vantaggio importante, rispetto agli altri, perché non sempre si ha la possibilità di avere con sé il PC.

Pensa, ad esempio, ad un travel blogger che è continuamente in giro per il mondo. Difficilmente potrà portare il PC sui mezzi pubblici o in qualche luogo naturalistico…mentre lo smartphone è comodo da usare ovunque.

Dopo i classici 3 giorni di free trial, potrai decidere di acquistare pacchetti da 9,99 dollari al mese, e di effettuare degli upgrade, in base alle tue esigenze e alle tue strategie di crescita dell’account. Vai al sito.

5. Bigbangram

bigbangram

Bigbangram evidenzia subito, in home page, come sia particolarmente focalizzato sulla fase di engagement. Si tratta di un bot Instagram perfetto da utilizzare se viene dedicato ad auto like, commenti ed invio di direct message.

Mi sentirei, quindi, di consigliarlo a coloro che vendono prodotti e servizi sul web e che hanno una strategia di vendita aggressiva, che prevede l’invio di centinaia di messaggi, con l’obiettivo di convertire in acquisti diretti, in iscrizioni al proprio funnel di mail o in appuntamenti telefonici o dal vivo.

Pure in questo caso ci sono 3 giorni di prova gratuita, utili a verificare se questo Instagram bot si allinea alle tue esigenze, che potrai convertire in abbonamenti mensili a partire da 9 dollari, fino ad un massimo di 55, se desideri avere anche un servizio di social media management. Vai al sito.

Come ultimo suggerimento, non posso fare altro che consigliarti di scaricare il report gratuito preparato da Dario Vignali e Stefano Mongardi, che ti aiuterà a scoprire quali sono le migliori strategie per cresce il tuo account Instagram e trasformarlo in un business vero e proprio:

Siamo arrivati al termine di questa guida dedicata ai bot Instagram.

Se hai trovato utile questo articolo, ti chiedo di dargli una valutazione di 5 stelle, e di seguire Carica Vincente sul blog, ma anche su Facebook e su Instagram.

Bot Instagram sì o no? I migliori 5 per aumentare follower e auto like
voto 5 (su 3 totali)

Ciao! Mi chiamo Lorenzo e sono co-fondatore di Carica Vincente. Nella vita mi occupo di web marketing e comunicazione, e mi appassionano l’economia ed il business a 360 gradi. Se vuoi metterti in contatto con me, sentiti libero/a di inviarmi una mail o aggiungimi su LinkedIn 😉

Articoli correlati
Condividilo con i tuoi amici!
FacebookWhatsAppFacebook MessengerGoogle+LinkedIn