Come salvare un matrimonio in crisi: la guida completa

Come salvare un matrimonio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nella guida di oggi affronteremo un tema molto delicato e, per certi versi, anche complesso: come salvare un matrimonio. Le relazioni non sono mai facili, ma quando si diventa coniugi, subentrano delle dinamiche ancora più complesse.

E oggi siamo qui per scoprire quali sono queste dinamiche ma, soprattutto, per capire come salvare un matrimonio in crisi e cercare di uscire vincitori da qualunque difficoltà.

Difatti, nessuna crisi di coppia è abbastanza potente da separare due persone che desiderano davvero stare insieme. La domanda è: voi volete davvero stare insieme?

Salvare un matrimonio è possibile?

Questa è una delle domande che salta fuori nel momento in cui un matrimonio stia vivendo una fase di down. D’altronde, se le cose andassero bene, nessuno dei due partner si domanderebbe se sia possibile salvare la propria relazione.

Tuttavia, non hai di che preoccuparti, perché un matrimonio in crisi si può salvare. Certo, questo non significa che sia semplice, specie perché è necessaria la collaborazione di entrambi i coniugi.

Ma, prima ancora della collaborazione, per salvare un matrimonio deve esserci la piena volontà di riuscire nell’intento. In altre parole, al di là del momento di difficoltà, incomprensione ed allontanamento che state vivendo, è necessario che entrambi guardiate nella stessa direzione.

come salvare un matrimonio in crisi

Quello che sto cercando di domandarti è: siete sicuri di voler salvare il vostro matrimonio? Siete pronti a dare del vostro meglio per continuare a stare insieme? Portare avanti la vostra relazione è davvero quello che volete?

Se non ci sono delle basi solide su cui mettersi a lavorare è molto difficile raggiungere l’obiettivo. Non sto dicendo che sia impossibile, ma diciamo che i giochi si complicano parecchio se uno dei due partner non è intenzionato a portare avanti il matrimonio.

Di conseguenza, il primo passo che dovrai fare è parlare con il tuo partner e assicurarti che anche lui la pensi come te. Questo, credimi, fa un’enorme differenza.

Come salvare un matrimonio in crisi

Come anticipato, salvare un matrimonio non è facile. É un percorso che richiede tempo, pazienza, energia, forza di volontà e amore. Se siete disposti ad inoltrarvi su questo cammino, però, siete già a buon punto.

La prima cosa che dovrete fare è essere sinceri l’uno con l’altra. Sedetevi a tavolino, tirate fuori tutto ciò che credete non stia funzionando e non abbiate timore di dire qualcosa di “sbagliato”.

Se non conoscete i pensieri e i sentimenti del vostro partner è molto difficile riuscire a fare squadra e a lavorare per raggiungere gli obiettivi comuni. Magari, parlandovi, potreste capire che il vostro matrimonio non è realmente in crisi, ma che sta vivendo un momento di difficoltà passeggero.

E credimi, c’è una differenza enorme, anche perché il momento temporaneo di difficoltà capita prima o poi a qualunque coppia, è più semplice da gestire e, se “preso” nel modo giusto, potrebbe portarvi ad essere ancora più uniti.

Insomma, prima di pensare a come salvare il matrimonio, assicuratevi che sia davvero da salvare. Una volta che avrete ben chiaro il quadro della situazione potrete mettervi all’opera.

Leggi anche: Come superare tutti i problemi di coppia.

Salvare un matrimonio: il percorso da affrontare

Innanzitutto, è opportuno concentrarsi su quello che ognuno di voi può fare nella sua singolarità. Ciò significa che non dovete iniziare a pretendere cambiamenti nel partner, ma dovrete pensare quali sono i miglioramenti che potete attuare su voi stessi.

Non si può chiedere senza dare, specie quando si parla di salvare un matrimonio in crisi. Durante la chiacchierata, poi, è normale che vengano fuori delle richieste, perché dal momento che nessuno è perfetto, è lecito mettersi in discussione ed essere pronti ad andare incontro alle esigenze del partner.

Insomma, tutto si basa su un giusto equilibrio tra “so che devo migliorare, ma chiedo un piccolo miglioramento anche a te”. Allo stesso tempo, per salvare il matrimonio è importante che entrambi sappiate i motivi per cui desiderate stare ancora insieme.

E qui, per correttezza, non voglio darti nessuno spunto. Questo è un passaggio molto importante e personale, che dovrà essere discusso ed approfondito tra voi due. Quello che posso fare, per aiutarti, è dirti di capire quali sono i punti di forza del vostro matrimonio.

salvare un matrimonio

Concentrarvi su ciò che non va, che vi delude o che vi fa soffrire non vi condurrà da nessuna parte. Per risolvere un problema bisogna concentrarsi sulle soluzioni, e non sul problema stesso.

Di conseguenza, cercate di vedere anche gli spiragli di luce, perché saranno quelli a darvi la forza di unirvi e di andare avanti. Un ottimo metodo per evitare di chiudere il proprio matrimonio, oltre a tutti questi consigli, è non fare l’errore di credere che con un altro partner si possa raggiungere la felicità eterna e priva di problemi.

Nessuna coppia, relazione o matrimonio è esente da difficoltà. E anzi, solitamente, le dinamiche di coppia tendono a ripetersi e a ripresentarsi. Di conseguenza, prima di “tirare i remi in barca”, dai tutto il tuo massimo e non guardare il tuo partner come se il momento di crisi che state vivendo fosse causato solo da lui/lei.

Come salvare un matrimonio quando l’altra parte non vuole

Come dicevamo all’inizio, potrebbe anche presentarsi la situazione in cui sia solo uno dei due partner a voler salvare il matrimonio, mentre l’altro preferirebbe chiudere e voltare pagina. In questo caso, riuscire a portare avanti la relazione è molto, molto più difficile.

É necessario fare un lavoro di comunicazione, dialogo e comprensione immenso, che non è neanche detto che porti al risultato sperato. D’altronde, non puoi mica pensare di costringere il tuo partner a passare il resto della sua vita con te, se non è quello che vuole.

Difatti, dal momento che si tratta di una situazione molto particolare e delicata, sarebbe opportuno affidarsi ad un terapeuta di coppia, che possa portare alla luce i vostri problemi e capire le dinamiche del vostro matrimonio.

Anche qui, però, il partner deve essere consenziente. Se si oppone al percorso, non c’è molto che tu possa fare. In alcuni casi, infatti, non c’è altra soluzione che mettersi per un attimo da parte, lasciare spazio al coniuge ed accettare il suo allontanamento.

Probabilmente, nel momento in cui sentirà di avere “carta bianca” e di non essere più sotto pressione e costretto alla vita coniugale, avrà modo di riflettere con calma e serenità su ciò che desidera davvero, magari riscoprendo i sentimenti che prova verso di te.

Per approfondire questo concetto e capire come riconquistare l’amore di un coniuge che ti vuole lasciare , ti invito a leggere il nostro articolo su come riconquistare il marito. Troverai al suo interno molti spunti estremamente utili per recuperare la tua attuale situazione, anche se ora ti sembra disperata.

Come salvare un matrimonio dopo un tradimento

In ultima analisi, tra le tante situazioni che minano e pesano su un matrimonio c’è il tradimento. Purtroppo, l’adulterio è molto più comune di quello che si pensa, ed è un trend in netto peggioramento.

Oggi, infatti, è raro trovare due coniugi che non abbiano affrontato un tradimento all’interno del loro matrimonio. Ma, come si fa? Come si riesce a passare sopra alle esperienze sessuali o sentimentali extraconiugali?

Anche qui, purtroppo, non è semplice, e c’è bisogno di un grande lavoro da parte di entrambi i partner. Come sempre, per salvare il matrimonio, è importante che si tratti di un desiderio comune, a maggior ragione quando si parla di tradimento.

come salvare un matrimonio dopo un tradimento

Ciò su cui bisognerà concentrarsi è la ricostruzione della fiducia e la fase del perdono. Se il partner tradito non riesce a superare il rancore che prova per ciò che è successo, è molto difficile che il matrimonio possa uscirne salvo e intatto.

Dall’altra parte, chiaramente, questo non è un percorso che dovrà affrontare in solitudine o in “autonomia”. C’è molto, molto bisogno che il partner che ha commesso l’errore si dia da fare per dimostrare, soprattutto, di aver capito il proprio errore.

Queste diciamo che sono appena le basi da cui partire per poter salvare un matrimonio dopo un tradimento, ma trattandosi di un tema molto delicato e complesso, nella maggior parte dei casi è necessario fare riferimento ad un consulente matrimoniale.

Carica Vincente
Carica Vincente
Carica Vincente è il portale italiano su crescita personale, relazioni di coppia e successo professionale. Seguici anche su Facebook e su Instagram per ottenere la tua dose di ispirazione ogni giorno. Per scoprire tutti gli ebook avanzati scritti dal nostro team invece clicca qui.

Leggi anche:

Lascia un commento