Convinzioni limitanti: cosa sono e come eliminarle (con esempi)

convinzioni limitanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Cosa sono le credenze limitanti? Che effetto hanno sulla nostra vita? Come è possibile cambiarle?

Se sei capitato su questo articolo probabilmente ti stai ponendo alcune tra le domande sopra menzionate. Per quanto l’argomento sia ampio e complesso, ho deciso di riassumerlo nel modo più chiaro e semplice possibile, in modo che tu sappia davvero tutto sulle convinzioni limitanti.

Devi sapere che una credenza è una sensazione di certezza riguardo a qualcosa. Un’idea di cui si è totalmente convinti. Le convinzioni sono importanti perché determinano:

  • Quali azioni facciamo
  • Come interpretiamo ciò che ci accade
  • Come reagiamo alle difficoltà che viviamo
  • A quante delle nostre risorse andiamo ad attingere
  • Quali obiettivi raggiungiamo

Essere convinti di non sapersi orientare in una città nuova, credere di essere belli, pensare di non essere portati per la matematica, convincersi di essere bravi a cantare ecc… sono tutti esempi di convinzioni.

Esistono tre tipi di convinzioni principali:

  • Le credenze generali (tutte quelle che riguardano il mondo che ci circonda e come lo vediamo)
  • Le credenze personali (tutte quelle idee che abbiamo su di noi)
  • Le regole (concetti relativi a ciò che consideriamo giusto e sbagliato)

Per via del funzionamento del cervello, continuamente ci creiamo delle convinzioni nuove o confermiamo quelle già esistenti. Quindi è impossibile non avere delle convinzioni, e di tutte quelle che abbiamo per convenzione le si dividono in due categorie: potenzianti e limitanti.

Le credenze limitanti sono quelle convinzioni che peggiorano la nostra vita o che condizionano negativamente l’espressione del nostro potenziale.

Tutte le convinzioni limitanti che abbiamo, poiché sono delle sensazioni di certezza riguardo a qualcosa, possono essere cambiate e trasformate in potenzianti, ma per poterlo fare è necessario innanzitutto rendersi conto di avere delle convinzioni limitanti.

Uno sportivo che non crede in se stesso, una persona che desidera diventare ricca ma che pensa che avere denaro lo renderà una persona avara, una ragazza che crede di non valere nulla sono tutti esempi di convinzioni limitanti.

Uno sportivo che crede nelle sue capacità, una persona che desidera il successo e sa che l’otterrà, una ragazza che crede di valere tantissimo sono esempi di convinzioni potenzianti.

Credenze limitanti: esempi

Ecco alcuni esempi di convinzioni limitanti che sono molto diffuse:

  • Non sono portato per la matematica
  • Se ti fidi delle persone verrai fregato
  • Non posso avere successo perché non sono abbastanza capace
  • Sono troppo vecchio per cambiare la mia vita 
  • Tutti gli uomini sono stronzi
  • Non ho abbastanza talento
  • Tutte le persone ricche sono avide
  • Se hai successo, la gente si allontanerà da te
  • Se il partner non mi da continuamente attenzioni vuol dire che non mi ama

Questi sono solo alcuni esempi di credenze limitanti. Entriamo adesso più nel dettaglio in modo da capire quanta influenza hanno le convinzioni (limitanti o potenzianti) nella nostra vita:

  • Uno sportivo è convinto di avere le capacità per stabilire un record incredibile. Si allena ogni giorno al massimo, cura l’alimentazione e si attiene ad una disciplina ferrea. Spesso si allena con persone più brave di lui e cerca ogni volta di migliorarsi. Sa che se continuerà in questo modo potrà fare il record che desidera e ci mette tutto il suo impegno. Quando qualcosa non gli riesce, riprova fino a quando non ottiene il successo. Dopo ogni allenamento si ripete <<posso stabilire un nuovo record>>.
  • Uno studente è convinto di non essere portato per la matematica. Segue poco le lezioni del professore perché è convinto che non riuscirà mai a raggiungere buoni risultati in questa materia. Svolge gli esercizi in maniera superficiale e senza approfondire. Sono anni che questa sua convinzione lo porta ad agire con un atteggiamento svogliato e che gli impedisce di migliorare. Quando prova a svolgere gli esercizi, tenta una sola volta perché appena fallisce si ripete <<lo vedi, sono negato>>.
  • Una donna pensa di essere affascinante. Ogni volta che un uomo la guarda, lei è convinta di piacergli. Si sente bella e questo influenza il suo modo di comportarsi. Decide di iscriversi in palestra per avere un fisico ancora più bello. Si impegna a mangiare sano, ad allenarsi e si valorizza in ogni modo. Tutte le volte che un ragazzo le fa un complimento, lei si ripete <<sono bella>>.

Da questi esempi emerge chiaramente che le convinzioni che abbiamo determinano le azioni che andiamo a compiere. Da convinzioni limitanti scaturiscono sempre azioni inefficaci e negative, mentre invece da convinzioni potenzianti scaturiscono azioni efficaci e positive, che ci indirizzano verso il successo, il miglioramento personale e la felicità.

Tendiamo costantemente a confermare il nostro modo di pensare tramite le nostre azioni, e ad eliminare o a non prendere in considerazione tutte le dimostrazioni contrarie.

Se una ragazza si è sentita tradita da una persona in passato, e si è convinta che è bene non fidarsi degli altri, potrebbe vedersi ripagata la sua fiducia anche da una ventina di persone consecutivamente, ma le basterebbe vivere un’altra fregatura per portarla a convincersi ulteriormente che “è meglio non fidarsi di nessuno”.

Le convinzioni limitanti ci impediscono di agire come vorremmo e limitano la nostra capacità di raggiungere i nostri obiettivi.

Convinzioni limitanti: come cambiarle

Poiché le nostre credenze determinano come agiamo e come interpretiamo ciò che ci accade, diventa assolutamente fondamentale imparare come cambiarle e trasformarle da limitanti in potenzianti.

Esistono diversi modi per farlo, ma il metodo che voglio ora presentarti si divide in 4 passi:

  1. Individua la convinzione limitante
  2. Elimina i suoi riferimenti
  3. Individua una nuova convinzione
  4. Crea dei riferimenti per la nuova credenza

Vediamoli uno alla volta.

credenze limitanti come cambiarle

1. Individua la convinzione limitante

Il primo passo per modificare una credenza è quello di individuarla. Questo passaggio è anche il più difficile perché siamo abituati a non mettere in discussione le nostre convinzioni in quanto tendiamo a confermarle, considerandole come un qualcosa di naturale e giustificato.

Il sistema migliore per individuare le tue convinzioni limitanti consiste nell’analizzare le aree della tua vita di cui non sei soddisfatto. Quali sono? Perché non sono come vorresti? Perché non stai facendo nulla per cambiarle?

Se per esempio una persona è obesa e non si impegna minimamente per migliorare le sue abitudini alimentari e per iniziare a fare attività sportiva, può essere certa che questa sua pigrizia nasca da una convinzione limitante del tipo: “è troppo difficile dimagrire” oppure “la mia struttura fisica e il mio metabolismo non mi permetteranno mai di essere magro”.

Quali sono i modi di pensare che ti impediscono di raggiungere i risultati che vorresti?

Prenditi un po’ di tempo per analizzare ogni area della tua vita in cerca delle tue convinzioni limitanti. Di sicuro ne troverai diverse, perché la verità è che ogni essere umano ne possiede qualcuna, piccola o grande che sia.

Una volta individuate le tue convinzioni limitanti, cerca di associare più dolore possibile all’idea di non riuscire a cambiarle.

Analizza tutte le opportunità che perdi a causa delle tue credenze limitanti, tutta la felicità a cui rinunci, e tutto il dolore che provochi a te stesso o agli altri finché resti radicato sui tuoi pensieri negativi. Questo ti spingerà definitivamente all’azione.

2. Elimina i riferimenti

Una convinzione viene paragonata spesso, nel campo della crescita personale, ad un tavolo con diverse gambe. Cosa succede quando si tagliano le gambe di un tavolo? Esso cade.

La stessa cosa accade alla credenza limitante. Se metti in dubbio i riferimenti sulla quale poggia, la convinzione verrà eliminata.

Ogni idea che abbiamo si regge su dei riferimenti ben precisi, e se smetterai di credere ad essi, la convinzione stessa perderà immediatamente di significato e cadrà come un tavolo senza gambe.

Poniti le seguenti domande:

  • Ho dei riferimenti concreti riguardo questa credenza o è frutto di una mia generalizzazione?
  • Ci sono persone che la pensano diversamente da me e ottengono ottimi risultati?
  • Esiste anche un solo caso che smentisce questa mia convinzione?

Più elementi trovi che mettono in dubbio la tua credenza limitante, più sarà facile per te eliminarla dalla tua vita una volta per tutte.

3. Individua la nuova credenza

Per il nostro cervello non possiamo eliminare semplicemente qualcosa, ma dobbiamo sostituirlo. Un modo di pensare che non ci piace non possiamo eliminarlo (le connessioni neuronali resteranno per sempre), ma possiamo cambiarlo con un altro che è più utile.

Scegli quale nuova convinzione potenziante vuoi che ti guidi. Ecco alcuni esempi:

  • Ho le capacità necessarie per realizzare i miei sogni
  • Credo in me stesso
  • Il successo è un traguardo raggiungibile per me
  • Merito di essere amato e rispettato

Individua quale convinzione potrebbe aiutarti a realizzare i tuoi obiettivi, e scegli di introdurla a qualunque costo nella tua vita.

4. Crea dei riferimenti per la nuova credenza

Esistono varie tecniche che si possono usare per creare dei riferimenti utili a rafforzare la nuova credenza, ma uno dei migliori è l’immaginazione.

Attraverso le visualizzazioni puoi creare qualsiasi riferimento ti serve. Ti basta immaginare te stesso mentre agisci come davvero desideri fare. Visualizza cercando di utilizzare tutti e cinque i sensi.

Ci sono tre cose che devi visualizzare nel dettaglio per creare dei riferimenti efficaci:

  • Il modo in cui ti comporteresti in ogni occasione se possedessi la convinzione desiderata
  • Il modo in cui la tua vita cambierebbe grazie alle tue nuove credenze
  • Il modo in cui la vita delle persone che ami cambierebbe grazie ai tuoi nuovi comportamenti

Sembra che questo tipo di visualizzazioni abbiano maggiore effetto se svolte per pochi minuti a sessione (3-5 vanno più che bene) per un mese di fila. Quindi per 30 giorni dovresti, almeno una volta al giorno, usare l’immaginazione per creare dei riferimenti solidi a supporto delle tue nuove credenze potenzianti 🙂

Siamo giunti alla fine di questo articolo sulle convinzioni limitanti. Se desideri approfondire l’argomento, ti invito a leggere anche: “5 tecniche per riprogrammare il subconscio”.

Danilo
Danilo
Ciao! Mi chiamo Danilo e faccio il mental coach. Tengo corsi e consulenze per aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi, insegnandogli ad esprimere il loro vero potenziale e a raggiungere la felicità. Scopri il mio ultimo libro: I Pilastri Della Felicità.

Leggi anche:

Lascia un commento