Esercizi per coppie in crisi: psicologia e 4 esempi pratici

esercizi per coppie in crisi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quali sono i migliori esercizi per coppie in crisi? Vanno sempre effettuati nell’ambito di una terapia di coppia, oppure si possono svolgere anche autonomamente?

Avere una crisi di coppia è normale, ma ciò non significa che bisogna sottovalutarla. Infatti, se si sottostima la distanza che tale evento può creare tra te e la persona che ami, il rischio di lasciarsi è davvero enorme.

Un valido mezzo per scongiurare questa eventualità, ritrovando la complicità che ora sembra scomparsa, potrebbe essere rappresentata dagli esercizi per coppie in crisi.

In giro per il web se ne trovano tanti, ma devi fare attenzione. Infatti, non tutti gli esercizi per terapia di coppia si adattano alla tua situazione. Alcuni servono a rafforzare la vostra unione, mentre altri hanno solo lo scopo di migliorare la comunicazione.

Nel presente articolo ne ho riportati alcuni esempi per ciascuna delle categorie. Così, a prescindere dalle causa della crisi che state vivendo, avrai a disposizione uno strumento efficace per migliorare la vostra relazione. Inoltre, ti spiegherò quando e se tali esercizi andrebbero affiancati ad una terapia di coppia.

Esercizi per coppie in crisi: funzionano?

Iniziamo la nostra analisi cercando di capire la psicologia di base dietro gli esercizi di coppia e soprattutto se questi funzionano davvero.

Molte persone sono inizialmente scettiche nei riguardi di questo metodo. Si sentono imbarazzati, bloccati e hanno l’impressione che sia tutto una perdita di tempo, per non dire una pagliacciata che non porta a nulla di concreto.

Se ci si approccia con un tale atteggiamento, le probabilità che svolgere esercizi di coppia non porti a nulla sono elevatissime. Quindi, il fattore principale che decreta il successo di questo metodo è la volontà dei due partner nel voler lavorare insieme, facendo uno sforzo per migliorare la relazione.

Così, diventa evidente che per raggiungere dei risultati validi, il primo passo è incoraggiare il vostro partner a darsi un’altra possibilità, fornendo il buon esempio.

L’idea di esercitarsi insieme può funzionare o meno, ma dipende soprattutto dal modo in ci si approccia a tale esperienza. Se l’atmosfera è già molto tesa, è preferibile cercare prima di tutto di instaurare un dialogo con la persona amata, individuando i vostri problemi. Poi, una volta cha la situazione diventa più favorevole e distesa si può passare agli esercizi.

La situazione ideale si ottiene quando entrambe le parti sono almeno un po’ più disponibili a tale sperimentazione. Come già detto, se vuoi raggiungere dei buoni risultati un primo passo da parte tua è fondamentale.

Non è da scartare l’idea di far rientrare gli esercizi all’interno di un percorso di terapia di coppia. In questo modo, sia tu che la tua metà vi sentirete più spinti e disciplinati verso il vostro compito comune, nonostante eventuali dubbi di partenza.

terapia di coppia esercizi

Concludendo, bisogna dire che gli esercizi per coppie in crisi funzionano solo quando c’è la volontà da parte di entrambi di raggiungere degli obiettivi. Sappi anche che questi non risolveranno del tutto i vostri problemi (il processo di riparazione di una relazione è molto più complesso), ma saranno comunque in grado di avvicinarvi.

Un po’ alla volta la comunicazione tra di voi inizierà a migliorare, vi aprirete l’un l’altro, riuscendo a rompere il muro che si è creato tra di voi. In definitiva, vi aiuteranno a capire che ci tenete alla vostra relazione, motivandovi a lavorare per salvarla.

Esercizi per coppie in crisi: 4 esempi facili ed efficaci

Quando pensi agli esercizi di coppia, probabilmente immagini un’impresa complicata, per la quale occorrerà spendere tempo, spazio, fogli di carta e chissà cos’altro. Per non parlare del fatto che tutto dovrà essere concordato in anticipo con il/la partner, magari finendo per litigare.

Per fortuna, la realtà è ben diversa, anzi. Alcuni esercizi sono progettati in modo tale che possano essere eseguiti senza nemmeno dirlo all’altra persona ed allo stesso tempo, ottenendo risultati positivi. Ma adesso basta con le chiacchiere e passiamo ai fatti: vediamo 4 pratiche molto semplici ed efficaci.

Nota bene: gli esercizi possono essere messi in atto a prescindere dal tuo sesso e/o della persona con la quale hai una relazione. La declinazione al maschile o femminile è solo una semplice scelta stilistica.

1. L’esercizio del silenzio

Il primo esercizio della nostra lista ha lo scopo finale di migliorare la comunicazione tra di voi. La sua messa in atto aiuta a gestire le situazioni di conflitto, ma anche a migliorare le capacità di ascolto attivo e l’attenzione verso l’altra persona. Puoi provare a farlo in due varianti.

In primo luogo, quando il partner inizia a entrare in conflitto con te, per esempio si lamenta, ti provoca, ti prende in giro, fai un passo indietro nella discussione. Lasciagli spazio, ma senza ignorarlo. Al contrario, ascolta attentamente ciò che ha da dire.

Lui deve avere la possibilità di sfogarsi, ma non solo. Tu stessa cogli questa occasione per analizzare ciò che dice e perché. D’altra parte, il tuo interlocutore (o interlocutrice) ad un certo punto noterà il cambiamento ed è più probabile che si calmi e si impegni nella conversazione con un tono più morbido.

In alternativa, puoi suggerire direttamente al tuo partner di avere una conversazione dove uno di voi rimane in silenzio, dando all’altra persona la possibilità di parlare senza ostacoli. Naturalmente, l’ascolto deve essere sempre attivo.

2. Inviare messaggi positivi

Anche questo esempio rientra nella categoria degli esercizi per coppie in crisi per migliorare la comunicazione.

Il suo scopo è quello di trasmettere in maniera consapevole solo messaggi positivi al proprio partner. Si può mettere in pratica anche in solitaria, senza condividere la sua attuazione con la propria metà.

Il suo fondamento si basa sul fatto che nelle conversazioni, spesso si tende ad agire in maniera speculare: ci si adatta automaticamente all’interlocutore, al suo stile e si imitano i suoi gesti. L’esercizio dell’inviare segnali positivi sfrutta questo fenomeno.

esercizi per terapia di coppia

La sua messa in pratica si può sviluppare a diversi livelli. Prima di tutto, bisogna avere un tono di voce gentile e delicato. Puoi provare a parlare un po’ più piano e più basso del solito. Sorridi e guarda il tuo interlocutore negli occhi, annuendo occasionalmente in accordo. Quando parli della vostra relazione, cerca di usare la prima persona.

Inoltre, prenditi cura del linguaggio del corpo. Non devi eseguire nessun movimento strano, ma solo mostrare il tuo atteggiamento positivo, la cura e i sentimenti che provi per il partner. Metti una mano sulla sua spalla, sfiora le sue dita o il suo ginocchio, in poche parole: accorcia la distanza tra di voi.

Se questo all’inizio non ti viene naturale, agisci in maniera regolare: ad ogni vostra interazione, cerca di inviare almeno un messaggio positivo o di vicinanza. Vedrai che il comportamento del tuo partner si adatterà in automatico al tuo.

3. La magia dei ricordi

Questo terzo esercizio ha come finalità quella di riaccendere i vecchi sentimenti e di ricordare ad entrambi perché volete stare insieme.

Per abbassare i toni e riconciliare una coppia, nulla ha più effetto di riportare a galla dei vecchi ricordi positivi, compresi quelli apparentemente insignificanti. La maggior parte di questi ricordi saranno comuni ad entrambi, ma presto vi accorgerete che ognuno di voi ha conservato nella sua mente dei dettagli particolari, che erano sfuggiti all’altro.

Per eseguire l’esercizio potete anche accordarvi su quando metterlo in pratica: magari la sera prima di andare a dormire o subito dopo cena. Così, per un paio di settimane (o di più se la pratica vi aggrada) ognuno di voi racconta all’altro un ricordo della vostra relazione che è stato accompagnato da emozioni positive.

esercizi terapia di coppia

Potete anche utilizzare delle foto o degli oggetti, dei quali l’altra persona non sospetta minimamente il valore affettivo. Queste pillole di vita insieme, anche non così importanti, possono rivelarsi una sorpresa molto piacevole.

Senza essere obbligata a definirlo un esercizio per coppie in crisi, puoi improvvisare una piacevole maratona di ricordi, prendendo tu l’iniziativa. Anche così riuscirete di certo a sentirvi più vicini.

4. L’esercizio degli aggiornamenti

Il quarto ed ultimo esercizio per le coppie in crisi è adatto soprattutto a coloro che stanno insieme da molto tempo. Infatti, quando un rapporto dura diversi anni si instaura la convinzione di conoscersi a fondo l’un l’altro, pensando di non aver più bisogno di scoprire nulla sul partner. Come avrai già intuito, non è affatto così.

Per capirlo, basta guardare indietro alle vostre vite 5-10 anni fa e prendere coscienza di quanto siete cambiati, sotto diversi fattori. Ecco perché è così importante aggiornare il tuo partner sulla tua vita e far sì che lui faccia lo stesso con te.

Se non sai chi è il suo migliore amico, quali sono i suoi obiettivi di carriera e quali sono i suoi sogni nel cassetto, cosa conosci di lui, a parte il suo nome?

Quindi, preparate una lista di domande da porvi a vicenda. Inizia a rispondere tu, così da dare il buon esempio; lui si sentirà invogliato a fare altrettanto. In alternativa, puoi stilare la tua lista in segreto e di tanto in tanto porre al tuo partner le diverse domande. In questo modo, metterai in atto l’esercizio senza alzare un polverone.

Terapia di coppia ed esercizi

Oltre a quelli elencati, è possibile anche rivolgersi ad terapista, il quale provvederà in prima persona a preparare degli esercizi per voi. Del resto, se decidete di intraprendere un percorso del genere, prima o poi vi verrà dato qualche “compito per casa” da svolgere.

In questo caso c’è un vantaggio da non sottovalutare: il fatto che ad aiutarvi ci sia una terza persona, indipendente ed esperta.

Infatti, il terapista può interpretare con occhio critico e consapevole i risultati dei vostri esercizi, aiutandovi a conoscervi meglio ed individuare le difficoltà della vostra relazione. Questa via può aiutare davvero tantissimo a risolvere la vostra crisi.

Quindi, se reputi più facile convincere il tuo partner ad andare in terapia insieme, piuttosto che fare gli esercizi di coppia da soli, fallo! L’autorità di uno psicologo potrebbe essere la spinta che vi manca. Inoltre, vi darà anche la sensazione che la terapia sia una sorta di percorso organizzato e di conseguenza con degli obiettivi raggiungibili.

Infine, sappi che in alternativa alla terapia, è possibile anche optare per dei laboratori di coppia. In questo caso coopererete e conoscerete altre persone. La qual cosa può essere molto stimolante ed aiutarvi a consolidare la vostra intesa e complicità, rafforzando inevitabilmente il vostro rapporto.

5/5 - (2 votes)
Carica Vincente
Carica Vincente
Carica Vincente è il portale italiano su crescita personale, relazioni di coppia e successo professionale. Seguici anche su Facebook e su Instagram per ottenere la tua dose di ispirazione ogni giorno. Per scoprire tutti gli ebook avanzati scritti dal nostro team invece clicca qui.

Leggi anche:

Lascia un commento