Motivatori personali: chi sono e cosa fanno

/ /
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin

Chi sono i motivatori personali? E quale funzione svolgono?

Questo articolo si propone come scopo quello di chiarire una volta per tutte i tratti distintivi di una figura spesso criticata e denigrata: quella del motivatore personale.

Si sente spesso dire, infatti, che queste figure professionali abbiano il solo scopo di spillarti i soldi dal portafoglio, e che la vera motivazione non possa essere trovata esternamente, ma solo al tuo interno.

Vediamo dunque di fare luce su questo tema. Una volta conclusa la lettura dell’articolo ti potrai fare un’idea di chi siano queste persone e potrai sicuramente approfondire l’argomento leggendo le biografie di alcuni tra i motivatori più in vista.

Non solo ti parlerò di chi siano i motivatori personali, ti illustrerò le principali tipologie esistenti e ti presenterò gli individui più famosi sia nel panorama italiano che americano.

Motivatori personali: chi sono?

I motivatori personali sono essenzialmente degli individui a cui ci si riferisce con lo scopo di raggiungere i propri obiettivi in maniera più rapida e con meno sforzo.

L’attività legata indissolubilmente alla figura del motivatore è quella del coaching. Fondamentale è capire la distinzione tra il lavoro svolto da un insegnante e quello che fa il coach.

Il coaching è definito come quell’attività che ti aiuta a rilasciare il tuo vero potenziale, in modo tale da massimizzare le tue performance. Significa aiutarti a raggiungere la tua meta, piuttosto che insegnarti ciò che non sai.

In altre parole, non si tratta di trasmettere una conoscenza come fa l’insegnante. Dietro al coaching c’è la credenza che l’individuo abbia già dentro di sé le risposte ai propri problemi, necessita soltanto di qualcuno che lo aiuti a “vedere”.

Sebbene l’origine del termine coaching risalga alla fine dell’ottocento, la nascita di questa figura professionale va ricercata nel mondo sportivo degli anni ’70 del novecento.

Molti considerano Timothy Gallwey, allenatore di tennis dell’università di Harvard, come fondatore del coaching. Il suo pensiero, descritto in Inner Game, ha rivoluzionato il mondo di allora:


Il gioco esteriore viene giocato su un’arena, per superare degli ostacoli esterni e per raggiungere un obiettivo esterno. Il gioco interiore si svolge nella mente del giocatore e si rivolge ad ostacoli come la paura, l’insicurezza, i problemi di concentrazione e la limitazione mentale relativa a concetti o assunzioni. Il gioco interiore è un metodo collaudato per superare gli ostacoli autoimposti, che impediscono ad un individuo o ad una squadra di accedere al loro pieno potenziale.

Andiamo quindi a vedere in quali campi operano i motivatori.

Le principali tipologie di motivatori

Ti ho già detto che In generale l’attività del motivatore personale è quella del mental coaching, ovvero quella di facilitare una persona a raggiungere un determinato obiettivo. Ma prima di procedere con le varie tipologie che ne derivano, mi occorre fare una precisazione.

Coaching e mental coaching non sono esattamente la stessa cosa.

Il coaching propriamente detto riguarda ad esempio il coaching sportivo. Pensa ad esempio all’allenatore di calcio. Si tratta in questo caso più di un preparatore atletico che altro, anche se rimane comunque importante andare ad agire a livello mentale, sulla scia di quanto detto da Timothy.

Per quanto riguarda invece i motivatori che praticano il mental coaching, questi si dividono in due grandi filoni:

  • Motivatori Personali (life coach)
  • Motivatori Aziendali

In questo articolo ci siamo concentrati fino ad ora sui motivatori personali, ma quelli aziendali hanno una grande diffusione, soprattutto nell’ambito di grandi aziende multinazionali.

Motivatori personali (life coach)

I motivatori personali spesso decidono di specializzarsi in un ambito ristretto della vita. Le competenze necessarie a fare da coach nei diversi ambiti sono di frequente abbastanza distanti anche se la tecnica del coaching rimane una ed una sola.

Vediamo dunque le principali tipologie di motivatori personali guardando alle aree di interesse:

  • Salute, benessere e dimagrimento (Health Coach)
  • Soldi ed investimenti (Financial Coach)
  • Relazioni (Dating Coach)
  • Gestione familiare ed educazione dei figli (Parental Coach)
  • Gestione del tempo (Time Management Coach)
  • Sviluppo autostima (Self-Esteem Coach)
  • Gestione delle emozioni (Emotional Coach)

Motivatori aziendali

Nell’ambito invece di un contesto più aziendale, possiamo avere i seguenti professionisti:

  • Executive: diretto alla direzione manageriale
  • Corporate: diretto ai personaggi chiave dell’azienda
  • Business: diretto allo sviluppo imprenditoriale di piccole e medie imprese

Motivatori famosi

Vediamo qui di seguito alcuni esempi di motivatori famosi. In particolare mi concentrerò sul panorama italiano ed americano, non facendo tuttavia a meno di citare qualche outsider.

Motivatori italiani

La lista dei motivatori italiani più famosi potrebbe essere lunga, ma in questa sede mi limito a citarne tre dei più rilevanti:

  • Roberto Re: oltre 25 anni di esperienza sul campo, da molti è considerato il mental coach numero 1 in Italia. Ai suoi corsi hanno artecipato oltre 350.000 persone. I suoi libri hanno venduto oltre 600.000 copie. Ha lavorato con imprenditori, manager di aziende, personaggi dello spettacolo ed atleti.
  • Claudio Belotti: oltre 22 anni di esperienza in 4 continenti. Anthony Robbins lo ha onorificato eleggendolo uno dei suoi quattro Senior Trainer. Premiato da Richard Bandler, il co-fondatore della PNL, con il massimo titolo in NLP Master Trainer. Ha lavorato con le più grandi multinazionali.
  • Daniele Popolozio: mental coach per i più famosi atleti, come Federica Pellegrini, Carolina Kostner e Filippo Magnini, è stato premiato con il Leone D’oro di Venezia alla carriera di coach.

Motivatori americani

Passiamo invece al panorama americano. Anche qui mi limiterò a citarne tre, ma la lista potrebbe essere molto lunga:

  • Anthony Robbins: considerato universalmente come il re del coaching, è sicuramente il motivatore più famoso al mondo. I suoi libri sono stati letti da oltre 50 milioni di persone ed i suoi eventi continuano a cambiare ancora oggi la vita di milioni di persone. E pensare che la madre voleva che facesse il camionista..
  • Jim Rohn: scomparso una decina di anni fa, ha dedicato la propria vita ad aiutare le persone ad ottenere il massimo da sé. Incaricato anche da grandi multinazionali come motivazional speaker, era capace di parlare in pubblico davanti a centinaia di migliaia di persone.
  • Brian Tracy: un’altra pietra miliare del coaching statunitense e non solo. Ha lavorato come consulenze in oltre 1000 aziende, influenzando la vita di oltre 5 milioni di persone. I suoi libri, oltre 70, sono considerati dei veri e propri capolavori.

Motivatori di altri paesi

Ne vorrei citare tanti ma mi limiterò a parlarti di due motivatori relativamente giovani ma molto promettenti:

  • Nick Vujicic: di origine australiana, nacque senza braccia né gambe, a causa di una rara malattia genetica. La sua infanzia fu piena di difficoltà. All’età di 8 anni cominciò a pensare al suicidio ma con il passare del tempo riuscì ad accettare la sua condizione, dedicando la propria vita a migliorare la vita degli altri.
  • Gary Vaynerchuk: di origine bielorussa ma immigrato negli Stati Uniti. Ereditò dal padre un’attività di liquori che riuscì a trasformare in un impero. Una delle sue forti convinzioni è che il successo non si raggiunge in una notte, ma attraverso costanza, impegno e dedizione.

Bene, questa era la mia lista di motivatori personali.

Non intendo convincerti di persona dell’efficacia o meno del coaching. Prova a guardare qualche video delle persone che ti ho citato, così ti puoi fare una tua idea personale. Non accettare mai quello che ti viene detto per sentito dire, accertati di persona della veridicità delle cose.


E con questo ti saluto. Per altri contenuti in tema ti consiglio di consultare la categoria motivazione del nostro blog Carica Vincente.

Non dimenticarti di seguirci anche sulle nostre pagine Facebook e Instagram, dove ogni giorno vengono pubblicate nuove frasi motivazionali e i nostri nuovi articoli!

Motivatori personali: chi sono e cosa fanno
voto 5 (su 5 totali)

Articoli correlati

Lascia un commento