Cos’è la motivazione? Definizione e significato psicologico del termine

motivazione definizione e significato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Questo articolo ha la funzione di fare luce sulle origini, la definizione e il significato della parola motivazione. Risponderò a domande come cos’è la motivazione, come può essere classificata e quali sono le teorie motivazionali più rilevanti.

Ho deciso di scrivere un articolo dedicato all’argomento in quanto reputo che i concetti che troverai qui descritti siano la base per tutti i successivi ragionamenti che si possano fare riguardo alla motivazione.

Non ha senso infatti andare a parlare di come essere motivati o di come ritrovare la motivazione dopo una sconfitta se prima non si ha chiaro in mente il concetto che ne sta dietro. Cominciamo quindi a parlare delle origini della parola motivazione.

Cos’è la motivazione? Origini etimologiche

Il termine motivazione deriva dal latino “movere“, che significa appunto muovere, ovvero spingere a fare un azione.

Nonostante la parola derivi direttamente dal latino, le sue applicazioni sono piuttosto recenti. Infatti si è cominciato ad utilizzare il termine motivazione nel novecento, con maggiore diffusione solo a partire dalla seconda metà del XX secolo, come dimostra il seguente grafico:

motivazione definizione

La diffusione della parola motivazione si deve all’ideazione proprio in questo periodo (circa 1950) delle teorie motivazionali più conosciute, la più famosa delle quali è la gerarchia dei bisogni dello psicologo statunitense Abraham Maslow, schematizzata attraverso la celebre piramide.

Il termine motivazione può essere anche pensato come la combinazione di due termini: motivo e azione. Quindi, letteralmente con questa parola si vanno a indicare tutti i motivi che spingono una determinata persona ad agire.

Ma passiamo al seguente paragrafo, in cui ti fornirò una più definizione completa di motivazione, proponendo delle diverse varianti che sono state fornite nel corso della storia per descriverne il concetto.

Motivazione: definizione del termine

La motivazione, come ti ho detto, è la ragione che spinge gli uomini ad agire. Ti propongo alcune definizioni che sono state date a questo termine:

  • stato o condizione interna che attiva il comportamento, dando una direzione verso cui andare;
  • desiderio o volere che stimola e direziona un comportamento orientato all’obiettivo;
  • influenza di bisogni e necessità sull’orientare il comportamento umano.

Andando a considerare le diverse varianti, potremmo unirle tra di loro e dare la seguente definizione di motivazione:

La motivazione è quello stato o condizione interna che, generata da un bisogno o da una necessità, spinge l’uomo ad agire per raggiungere un determinato obiettivo.

Questo stato di motivazione può essere generato da cause interne (motivazione intrinseca) od esterne (motivazione estrinseca).

Molto importante è il fatto che le cause che vanno a innescare questo stato di motivazione potrebbero essere in generale differenti da quelle che ne causano il persistere.

Vediamo di fornire qualche informazione in più sulle tipologie di motivazione.

La distinzione tra motivazione intrinseca ed estrinseca

La motivazione estrinseca è generata da fattori esterni all’individuo.

In altre parole, quello che spinge la persona ad agire in questo caso non sono dei motivi personali, ma alcuni fattori esterni, per esempio la società in cui si vive. Di seguito troverai alcuni esempi di comportamenti generati dalla motivazione estrinseca:

  • Preparare un esame per avere un buon voto;
  • Lavorare come dipendente in cambio di un compenso;
  • Partecipare ad una competizione per ottenere un premio.

Come puoi vedere, si tratta molto spesso della prospettiva di fare qualcosa in cambio di una ricompensa. Se viene meno questo stimolo, anche la motivazione cessa di conseguenza.

Al contrario, la motivazione intrinseca si origina dall’interno della persona.

In questo caso è il bisogno interiore di realizzazione a spingere l’individuo ad agire. Anche qui di seguito alcuni esempi:

  • Studiare per desiderio di conoscenza e di miglioramento in un certo campo;
  • Lavorare perché si ha passione in quello che si fa;
  • Fare un attività per piacere e/o divertimento.

Tra le due forme di motivazione, quella intrinseca è sicuramente la più autentica e sana, in quanto legata indissolubilmente all’individuo e alla sua volontà di realizzazione e felicità. Ti consiglio di fare questo test per scoprire se anche tu sei genuinamente motivato!

Scopri quanto sei motivato!

Le 3 teorie motivazionali più rilevanti

Qui di seguito troverai brevemente una selezione delle più importanti teorie motivazionali, sviluppate soprattutto nel novecento. Non si tratta di certo di un elenco esaustivo, ma in questa sede ho preferito solo farne un accenno per motivi di brevità.

Per approfondimenti leggi anche: Teorie motivazionali

La gerarchia dei bisogni secondo Maslow

In questa teoria lo psicologo statunitense afferma che il comportamento dell’uomo è spinto dalle necessità. Alcune di queste hanno per natura la priorità sulle altre. La teoria è ben schematizzata dalla classica piramide:

motivazione significato

Alla base della piramide si trovano i bisogni legati alla sopravvivenza, che sono i primi a generarsi nell’uomo in quanto sono spesso detti anche bisogni da mancanza. Questo perché più è il tempo per cui sono negati, maggiore è la necessità di soddisfarli.

Al secondo gradino troviamo i bisogni di sicurezza, legati ad esempio al trovare un rifugio, un lavoro o allo stare in salute.

Al terzo gradino ci sono i bisogni di appartenenza, ovvero di avere delle buone relazioni sociali, sia di amicizia che intime.

Al quarto gradino troviamo tutti quei bisogni legati all’autostima e al rispetto tra persone. Questi sono legati alla necessità che il nostro valore venga riconosciuto dagli altri.

Al quinto è ultimo gradino troviamo l’autorealizzazione. Coloro che raggiungono questo stadio sono in grado di sviluppare al meglio i propri talenti e potenzialità.

Per tutti gli approfondimenti legati alla piramide di Maslow puoi consultare questo articolo. Inoltre, per visione più comprensiva della suddivisione tra bisogni primari e secondari trovi qui tutte le informazioni di cui hai bisogno.

La teoria dei bisogni secondo McClelland

Sviluppata circa vent’anni dopo la gerarchia di Maslow, la teoria dei bisogni di McClelland, detta anche del raggiungimento o dei tre bisogni, va a categorizzare i vari individui in base a tre differenti necessità:

  • Successo (Achievement)
  • Potere (Power)
  • Affiliazione (Affiliation)
cos'è la motivazione

Il bisogno di successo è la volontà da parte dell’uomo di riuscire in quello che fa, a prescindere dall’attività svolta. Si tratta della necessità che motiva la persona a lavorare e lottare per raggiungere un obiettivo.

Il bisogno di potere è il desiderio da parte di un individuo di mantenere il controllo e l’autorità su di un altro individuo, cambiando le decisioni degli altri sulla base dei propri bisogni e desideri.

Il bisogno di affiliazione, infine, è l’impulso di una persona ad avere relazioni interpersonali con gli altri e di sentirsi parte di una comunità sociale.

La teoria dei bisogni di McClelland trova applicazione nella gestione di un team di persone. Il leader del gruppo dovrebbe essere in grado di individuare quale tra i tre bisogni è più forte in ciascuno dei componenti del team, e di moficare le modalità di comando di conseguenza.

Per approfondimenti leggi anche: McClelland motivazione

La teoria dell’aspettativa di Vroom

Questa teoria va a considerare tre fattori che contribuiscono alla motivazione umana:

  • Aspettativa
  • Strumentalità
  • Valenza

La motivazione viene definita nel seguente modo:

motivazione = aspettativa  x  strumentalità  x  valenza

motivazione

L’aspettativa è il giudizio personale che un individuo ha sulla possibilità di raggiungere in determinato obiettivo. Questo può dipendere da vari fattori, tra i quali le skill personali, la possibilità di ricevere un aiuto da parte degli altri oppure i limiti di tempo che si hanno.

La strumentalità si relaziona al premio che si ottiene raggiungendo un obiettivo. Risponde alla seguente domanda: “Lavorando sodo e facendo una buona prestazione, sono sicuro di ottenere degli altrettanto buoni risultati?

La valenza, infine, è l’importanza che viene data al raggiungimento di un determinato obiettivo. Questo dipende direttamente dalla scala dei valori della persona e da quello che egli vuole realizzare nella vita.

Questa teoria trova applicazione sia nel mondo del lavoro che in ambito di realizzazione degli obiettivi personali.

Il significato e l’importanza della motivazione

Non potevo concludere un articolo sulla motivazione senza spendere qualche parola sull’importanza di essere motivati nella vita.

Perché è importante avere motivazione?

La motivazione è importante per tutta una serie di ragioni!

Ti ho già detto più volte che per motivazione si intendono i motivi per cui si agisce e non si rimane in situazioni di stallo. Le persone motivate prima di tutto sanno quello che vogliono dalla vita, operano per raggiungere un determinato obiettivo ed hanno un forte senso di direzione.

Proprio alla luce di quanto detto sopra, essere motivati significa anche dare una priorità alle attività da fare, capire quello che è importante e trascurare ciò che non lo è.

Essere motivati significa anche non esitare, evitare di procrastinare ed agire perché si vuole davvero raggiungere la meta ed i propri sogni.

Significa rialzarsi quando le cose vanno male, comprendere gli errori fatti ed andare avanti più forti di prima.

Significa perseverare, fare piccole insignificanti attività ogni giorno che, cumulandosi l’una con l’altra, generano alla lunga dei grandi risultati.

Significa crescere, capire dove bisogna migliorare per raggiungere i propri obiettivi ed adoperarsi di conseguenza.

Significa in ultima istanza agire per sentirsi felici e realizzati.

E allora…cosa stai aspettando? Tira fuori tutta la motivazione di cui hai bisogno e vedrai che i risultati saranno straordinari! Ti consiglio in tal senso di leggere il mio ebook in tema, si chiama Ultramotivazione. All’interno troverai dei consigli utilissimi per essere sempre motivato!

  • Capisci come funziona la motivazione
  • Fissa e raggiungi i tutti i tuoi obiettivi
  • Assumi un mindset di successo
  • Vinci definitivamente la procrastinazione
  • Scopri i segreti dell’ultramotivazione
Andrea
Andrea
Ciao! Mi chiamo Andrea e sono co-fondatore del progetto Carica Vincente. Mi piace occuparmi di molte cose differenti nella vita, in particolare sono appassionato e grande sostenitore del miglioramento continuo e della crescita personale. Sono autore degli e-book Ultramotivazione e Produttività Zen.

Leggi anche:

Lascia un commento