Paura del cambiamento: come superarla attraverso 6 passi!

paura del cambiamento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Da cosa deriva la paura del cambiamento? E come superarla una volta per tutte, riuscendo a vivere pienamente e raggiungendo il vero potenziale?

È giunto il momento di fare luce su di un argomento di fondamentale importanza per la tua crescita personale: si tratta di come affrontare e superare la paura di cambiare.

Tutti noi siamo soggetti in un modo o nell’altro alla paura del cambiamento. Ricorda quante volte in passato avresti voluto scegliere la strada dell’intraprendenza ma, vuoi per prudenza, vuoi per il troppo stress che ti causava quella scelta, hai deciso di rimanere all’interno della tua zona di comfort.

Lo so, ti capisco perfettamente. Anche io ci sono passato e so che cambiare non è semplice, possa trattarsi delle sole abitudini o di cose più grandi che riguardano la tua vita, ogni volta che qualcosa cambia accusiamo stress, ansia e preoccupazione per il domani.

Ma è anche vero, come dice questa massima di Anatole France, che:

Se non cambiamo, non cresciamo. Se non cresciamo, non stiamo davvero vivendo

Cambiare è l’unico modo per migliorarsi, trovare nuove opportunità e risolvere ciò che non ti piace della tua realtà attuale…

Perciò, è davvero importante che tu comprenda come superare la paura del cambiamento per vivere la tua vita appieno. Leggendo questo articolo capirai davvero come fare e avrai fin da oggi tutto il necessario per raggiungere il livello successivo!

Paura del cambiamento: a cosa è dovuta?

Per spiegarti con parole semplici quali sono le cause della paura del cambiamento mi occorre fare un attimo un passo indietro ed illustrarti schematicamente come funziona la nostra mente.

Mente conscia e inconscia

Evitando di fornirti troppi dettagli, che esulano tra l’altro dalla trattazione, è possibile individuare due principali regioni:

  • La mente conscia: governa le tue capacità di pensiero e in essa risiedono tutte le informazioni assimilate con la tua istruzione
  • La mente inconscia (o subconscia): è responsabile di tutte le tue emozioni, ma non hai un diretto accesso ad essa. Nella mente inconscia risiede anche quella che è l’immagine di te stesso.

A sua volta, la mente inconscia trasmette degli stimoli al tuo corpo, attraverso il sistema nervoso centrale. Infatti, le emozioni generate nella mente inconscia hanno delle ripercussioni, positive o negative che siano, sottoforma di stimoli nervosi, sul tuo fisico.

Ora, mentre la tua parte coscia ha capacità decisionali, ovvero ha la facoltà di decidere se accettare o rifiutare le informazioni e gli stimoli che riceve, lo stesso non vale per quella inconscia, che deve per forza di cose assorbire tutto quello che le viene proposto; ancora più importante, non riesce a distinguere se le informazioni che riceve provengono dalla realtà o dalla tua immaginazione.

È quello che accade, ad esempio, quando sei piccolo. A questo stadio dello sviluppo possiedi solo la tua parte inconscia. Per questo motivo i neonati tendono ad assorbire tutti gli stimoli che ricevono dall’esterno e non hanno alcuna sorta di barriera di filtraggio degli input.

Nei primi anni della tua vita, attraverso tutte le informazioni raccolte dal tuo subconscio, si crea quello che è detto paradigma, che risiede appunto nella parte inconscia della tua mente. Il paradigma contiene una proiezione mentale di quella che è la tua realtà attuale.

Bene, crescendo acquisisci potere decisionale e un’educazione attraverso la tua parte conscia. Il problema è che non ti viene insegnato in che modo cambiare il tuo paradigma. Chiariamo il concetto.

Cosa succede quando provi a cambiare

Per natura, la tua mente conscia cercherà di scegliere quei pensieri che sono in linea con la parte inconscia, ovvero con il tuo paradigma. Chi si comporta in questo modo lo fa per rimanere all’interno della sua zona di comfort e minimizzare lo stress.

Ora, vediamo cosa accade quando tenti di introdurre una novità nella tua vita. Di seguito alcuni esempi:

  • Introdurre nuove abitudini
  • Cambiare città in cui vivi
  • Cambiare lavoro
  • Cambiare partner

Un cambiamento, per poter essere effettivo, deve essere accettato a livello della parte inconscia, in modo tale da modificare il tuo paradigma. Il processo avviene logicamente in due semplici passi:

  1. Il voler cambiare si origina dalla tua mente conscia a partire da un’idea, magari dopo aver raccolto delle informazioni dal mondo esterno
  2. La parte conscia prova a trasmettere questa idea a quella inconscia, tendando di modificare il paradigma

Il processo così illustrato sembrerebbe facile e lineare. Il problema è che ogni volta che provi a cambiare succedono queste cose:

  • Nella mente conscia si instilla il dubbio: ti domandi se l’idea che hai avuto è buona o meno
  • L’inconscio genera delle emozioni, la più evidente delle quali è la paura del cambiamento
  • Il corpo reagisce a questi stimoli mettendoti in uno stato di ansia

Per questo motivo è così difficile cambiare. Per molte persone la paura e l’ansia generate sono tali da non riuscire a superare la cosìddetta barriera del terrore, con il risultato che l’idea di cambiare viene alla fine abbandonata.

Quando succede ciò la senzazione generata è di profondo sollievo. In sostanza ti ritrovi nella tua zona di comfort senza ansia e stress. Ma ricorda, come ti ho già detto: non cambiare equivale a non crescere; non crescere significa non vivere davvero.

Ma allora…come uscire da questa empasse e superare la paura di cambiare?

Come superare la paura del cambiamento in 6 passi

Riassumendo quello che ti ho detto nel precedente paragrafo, il cambiamento può essere definito come una modifica del proprio ambiente, delle situazioni o della propria condizione mentale o fisica che mette in discussione gli attuali paradigmi, su cui si basa la tua vita.

Proprio questo rende così difficile cambiare qualcosa di te. Ma vediamo ora come risolvere il problema, riuscendo a superare la paura del cambiamento in 6 semplici passi. Non si tratta di niente di plateale, ma molto spesso sono le cose più semplici o scontate quelle che ci sfuggono!

paura del cambiamento

1. La vita è cambiamento, il cambiamento è vita

Il primo fatto su cui porre l’attenzione se davvero vuoi superare la paura del cambiamento è ammettere che questo è parte integrante della tua vita. Come dice questo pensiero:

C’è sola una costante nella vita: il cambiamento. Se resistiamo al cambiamento soffriremo inutilmente. Dobbiamo accettare che tutto cambi. Le persone, le situazioni, i sentimenti, la vita e dobbiamo accettarlo come un albero fa con il vento piegandosi, ma non spezzandosi.

Tu sei il primo a cambiare di continuo con il passare del tempo. Proprio per questo motivo alcune situazioni, come le relazioni, il tuo stesso lavoro o il tuo aspetto, con il tempo non ti possono più andare bene.

Per natura vuoi stare al sicuro e fare sempre le stesse cose, quelle che minimizzano il tuo stress e l’ansia. Ma facendo così non realizzerai mai te stesso, e alla lunga non sarai infelice.

Cambiare è vivere, vivere è cambiare…

2. Impara a riconoscere quando provi paura

Il secondo passo è quello di assumere consapevolezza di quando provi la paura di cambiare. Questo è il segno inconfutabile che stai mettendo in discussione i tuoi paradigmi e non devi assolutamente considerarlo come un fatto negativo.

Il tuo inconscio, sotto forma del tuo ego, cercherà di opporre resistenza in tutti i modi, cercando per così dire di farti tornare al tuo posto, seguendo quelli che sono i tuoi attuali paradigmi.

Ebbene, impara a convivere con questa sensazione di paura. Con il tempo si trasformerà addirittura in eccitazione per quello che verrà, per quel futuro migliore che è sinonimo di miglioramento. Vediamo come fare nella pratica.

3. Abituati ad uscire dalla tua zona di comfort

Il modo migliore per abituarsi a questa sensazione di dubbio e paura che deriva dal cambiamento è quella di uscire sistematicamente dalla tua zona di comfort. In altre parole, come dice la seguente citazione:

Ogni giorno, fai qualcosa che ti spaventa

Eleanor Roosevelt

La tua zona di comfort è quella area comportamentale che minizza stress e ansia, costituita in sostanza dalle tue azioni abituali. Come ti ho già detto, per natura la tua tendenza sarà quella di rimanere al suo interno.

Invece, per uscire dalla tua zona di comfort dovrai spingerti oltre i tuoi limiti e provare con regolarità cose nuove. Tutto ciò ti renderà più flessibile e incline al cambiamento, nel senso che variare le tue abitudini non sarà più così problematico.

Per maggiori informazioni leggi anche: Come uscire dalla tua zona di comfort

4. Fai un piccolo passo alla volta

Un altro segreto per riuscire a cambiare senza troppo sforzo e stress è quello di fare un piccolo passo alla volta.

Perché si sa, i grandi cambiamenti sono anche quelli che più ci spaventano. Risulta molto più difficile fare dei cambiamenti radicali nella propria vita, benché i miglioramenti che ne derivano possano essere di gran lunga superiori.

Ti suggerisco di applicare la cosìdetta filosofia Kaizen (o del miglioramento continuo) nella tua vita. Piccoli passi, giorno dopo giorno, possono portare con il trascorrere di giorni e mesi a dei grandi cambiamenti.

Cerca ogni giorno di avvicinarti un po’ di più alla tua meta, ma senza esagerare, e vedrai che i risultati dopo qualche tempo non tarderanno ad arrivare!

5. Non temere i fallimenti

Ogni volta che cerchi di cambiare per migliorarti, è inevitabile che ti capiti anche di fallire. Questo fa semplicemente parte delle regole del gioco.

Perciò quando ti accadrà, non abbatterti. A tal proposito quello che ti voglio mostrare è una testimonianza del famoso attore Peter Dinklage, che in questo video ci racconta le difficoltà che egli stesso ha incontrato ai grandi bivi della sua vita…

6. Sfrutta il potere delle abitudini

L’ultimo consiglio che mi sento di darti oggi su come accettare il cambiamento una volta che è incominciato il processo è quello di sfruttare il potere delle abitudini.

Per introdurre una nuova abitudine nella tua vita occorrono mediamente 21 giorni. Nel corso di questo lasso di tempo il tuo inconscio opporrerà resistenza a questa novità nella tua vita.

Ma dovrai tenere duro, perché, mentre all’inizio sentirai stress nel fare questa nuova attività, una volta che l’abitudine sarà ormai parte della tua vita, ti sentirai in colpa se non la farai.

Questo è l’enorme potere delle abitudini, che ti consentono di scambiare la leva del dolore con quella del piacere…

Bene, è tutto per questo articolo su come superare la paura del cambiamento. Ma non potevo di certo concludere senza citare uno tra i più bei pensieri di tutti i tempi:

Sii il cambiamento che vorresti vedere avvenire nel mondo – Mahatma Gandhi

Andrea
Andrea
Ciao! Mi chiamo Andrea e sono co-fondatore del progetto Carica Vincente. Mi piace occuparmi di molte cose differenti nella vita, in particolare sono appassionato e grande sostenitore del miglioramento continuo e della crescita personale. Sono autore degli e-book Ultramotivazione e Produttività Zen.

Leggi anche:

Lascia un commento