Soffrire per amore: impara a non stare male per amore mai più!

/

Condividi sui tuoi social!

Soffrire per amore è una cosa incredibilmente comune, che tutti noi abbiamo vissuto almeno una volta nella vita, e può avere un impatto davvero devastante sulla nostra felicità, sulla nostra autostima e sulla nostra vita in generale.

La persona oggetto del nostro desiderio è la causa del nostro stare male per amore, ma vediamo in lei anche l’unica possibile cura per la nostra sofferenza.

Tutte le altre aree della nostra vita ne risentono negativamente: non riusciamo a concentrarci nello studio o nel lavoro, non abbiamo voglia di uscire, trascuriamo i nostri hobby e in generale non riusciamo a pensare ad altro.

Lo stare male per amore tocca spesso dei livelli di intensità tanto elevata, da trasformarsi addirittura in dolore fisico e lasciarci svegli la notte.

stare male per amore

So esattamente come ti senti, perché pure io ci sono passato, e per questo motivo voglio racchiudere in questo articolo tutti i consigli che avrei voluto ricevere quando ero io a trovarmi nella tua stessa situazione.

Ai fini di questo viaggio considerami come un tuo fratello maggiore, o come una persona di cui ti fidi, con anni di studio e di esperienza diretta nelle relazioni uomo-donna.

Preparati, perché tratterò l’argomento del soffrire per amore in modo molto approfondito e completo; vedremo in particolare:

  • i 3 principali casi in cui potresti trovarti se stai male per amore;
  • la visione della scienza e della psicologia in merito al soffrire per amore;
  • un percorso guidato per riuscire a smettere di soffrire per amore in 7 passi;
  • dei consigli finali su come non ritrovarti mai più a stare male per amore.

Un’ultima puntualizzazione prima di cominciare: questo articolo sul soffrire per amore è indirizzato ad entrambi i sessi, quindi che tu sia un uomo o una donna, quello che leggi è rivolto proprio a te.

Bene, ora siamo davvero pronti per cominciare!

Stare male per amore: i 3 casi

Ti presento tutti e 3 i casi principali, che portano migliaia di persone ogni giorno a soffrire per amore, sono sicuro che ti saprai ritrovare in uno di essi.

Successivamente vedremo un percorso da affrontare, valido per tutti e tre i casi, ma per ora soffermiamoci un attimo a parlare delle peculiarità degli stessi.

1. Soffrire per amore dopo essere stati lasciati

Un primo caso di sofferenza per amore, probabilmente il più comune, è quando veniamo lasciati dal nostro partner. In tutte le storie che finiscono, che rappresentano la stragrande maggioranza delle totali, almeno una delle due persone coinvolte è destinata a soffrire per amore.

Non ci capacitiamo di come l’altra persona possa aver deciso di farla finita, e accanto al dolore, sotto sotto, nutriamo sempre la speranza che il nostro partner possa pentirsi, cambiare la sua decisione e tornare.

È doveroso dire che esistono delle strategie molto avanzate di cui possiamo servirci per riconquistare il proprio ragazzo o la propria ragazza dopo essere stati lasciati (anche se lui o lei dice di non amarci più), strategie di cui parlo nei miei articoli sulle relazioni, e di cui parla in modo ancor più approfondito il coach Alessandro Vigini nel suo libro Direzione Ritorno.

Eccoti alcuni link utili se sei interessato ad intraprendere un percorso di riconquista:

Esiste anche un test gratuito, elaborato e messo a disposizione dallo stesso Alessandro, che puoi effettuare per scoprire le tue probabilità di riconquista:

Se la storia da cui si è appena usciti era molto importante, io consiglio sempre a tutti di intraprendere un percorso guidato di riconquista, perché può rivelarsi davvero efficace e permettere in molti casi di tornare insieme alla persona amata.

Tuttavia dopo aver fatto un tentativo e dopo essersi dati un periodo limite, è necessario andare avanti ed imparare a gestire nel migliore dei modi il soffrire per amore, cosa che vedremo proprio nel corso di questo articolo.

2. Stare male per un amore non corrisposto

Altro caso frequente di sofferenza è quello del classico amore non corrisposto.

Conosci una persona, ci passi un sacco di tempo insieme (a volte basta anche davvero poco) ed inizi a provare un sentimento nei suoi confronti, che per qualche ragione non viene ricambiato.

Ti sembra la persona giusta per te e sei convinto che riusciresti a renderla felice, ma lei non ne vuole proprio sapere di stare con te, perché preferisce che rimaniate amici, oppure proprio non ti calcola!

Situazioni del genere possono andare avanti anche per mesi, o per anni, senza portare a nessun risultato. Gli unici effetti che causeranno saranno il progressivo abbattimento della tua autostima e felicità, e l’impossibilità di trovare e vivere con serenità un’altra relazione appagante.

Quindi devo lasciar perdere questa persona?

Assolutamente sì! Ma a differenza di tutti gli altri articoli, che ti consigliano di troncare i rapporti, e poi ti lasciano a piedi, io ti guiderò attraverso un percorso che ti porterà a sentirti meglio.

Se pensi di dover chiudere per sempre con questa persona, l’unica cosa che riesci a vedere per la tua vita è un tunnel buio, senza una speranza e senza una via d’uscita.

Quello che spero di riuscire a fare tramite questo articolo, è mostrarti per un attimo la luce alla fine del tunnel.

luce alla fine del tunnel

Ma andiamo con ordine, c’è ancora da trattare un ultimo motivo per cui si può soffrire per amore…

3. Stare male per amore a causa di una relazione instabile

Il terzo caso di sofferenza per amore è quello più perfido e complesso, in cui abbiamo a che fare con una persona che è interessata a noi, ma non tanto quanto noi siamo interessati a lei.

Ti trovi in questo caso se ad esempio la persona con cui esci:

  • Vede ancora il proprio ex, la propria ex, o comunque una terza persona.
  • Non vuole una relazione seria, ma ti lascia sempre qualche speranza di poterla ottenere in futuro
  • Temporeggia dicendoti che non sa cosa fare e cosa prova nei tuoi confronti
  • È incostante, mostrandoti a volte un grande interesse, e altre volte un totale distaccamento
  • In generale non vive la vostra relazione con lo spirito con cui vorresti che la vivesse

In tutti questi casi ti trovi ad avere a che fare con una persona che con una mano ti da e con l’altra ti leva, ti fornisce soltanto delle briciole del suo amore, briciole di cui tu ti accontenti perché senti di non avere altra scelta.

Ti senti intrappolato in un vortice che ti tira verso il basso. Più la persona che cerchi di conquistare si allontana, più stai male e ti impegni per riavvicinarla.

Non è detto che questa persona si comporti così per cattiveria, e perché vuole sfruttare questa tua debolezza a suo favore. Può darsi anche che sia genuinamente indecisa, o ci sia qualche altra ragione per cui non riesce a vincolarsi a te in modo completo, e a darti quello che vorresti ricevere.

Concorderai con me che però hai a che fare con una relazione tossica.

Soffrire per amore: psicologia

Analizzati i 3 casi dello stare male per amore, è interessante vedere per un attimo come la psicologia e la scienza vedono gli eventi dell’innamoramento e della sofferenza per amore.

L’amore è una dipendenza

Come sostiene l’antropologa e ricercatrice sulle relazioni amorose Helen Fisher, l’amore romantico può essere a tutti gli effetti considerato una profonda dipendenza, in quanto provoca nel nostro cervello gli stessi effetti che provocano sostanze come la cocaina.

Questo non va visto in modo necessariamente negativo, in quanto l’amore può essere un’esperienza estremamente piacevole quando ricambiato, ed ha anche delle funzioni fondamentali per la perpetuazione della specie e l’istituzione della coppia.

Il problema sorge invece quando l’amore non è corrisposto…

Come afferma la Fisher nel suo libro The Anatony of Love, una persona innamorata che non riesce ad ottenere le desiderate attenzioni dal proprio partner entra in crisi da astinenza esattamente come un dipende da cocaina o da alcool che non riesce a procurarsi la dose necessaria di sostanza.

Ecco quindi la sofferenza così intensa, l’incapacità di andare avanti con la propria vita facendo finta di niente, ed anche il dolore fisico.

Risulta chiara anche la soluzione: troncare in modo netto e definitivo con quella persona, senza averci più niente a che fare, esattamente come l’alcolista che dopo aver smesso di bere non può permettersi neanche un bicchierino di birra ogni tanto.

Ma torneremo a parlare di questo tra pochissimo… intanto se vuoi approfondire il tema dell’amore e del suo effetto sul nostro cervello ti invito a guardare questo TED Talk del 2008 della Fisher:

 

Le dinamiche psicologiche che nascono quando veniamo rifiutati

Adesso che di base sai di avere a che fare con una dipendenza, voglio spingerti ad un’ulteriore riflessione.

Quando amiamo e non veniamo pienamente ricambiati, il sentimento che ci sembra di provare nei confronti dell’altra persona, ed anche il dolore che caratterizza le nostre giornate, vengono intensificati da alcune dinamiche psicologiche che intervengono, e che NON hanno assolutamente niente a che fare con l’amore. Impariamo a riconoscerle e ad isolarle. Si tratta di:

  • Senso di rifiuto e/o di abbandono
  • Incapacità di stare da soli
  • Bisogno di possesso

Tutti e tre questi fattori aumentano radicalmente il nostro soffrire per amore, tuttavia non sono da attribuire direttamente al sentimento che proviamo per quella persona, ma piuttosto ad una nostra mancanza e debolezza su cui dobbiamo lavorare.

Lascia che te lo dica: nella vita devi imparare ad accettare il rifiuto, a stare bene con te stesso anche senza una relazione, a vivere bene il rapporto con qualcuno anche quando non ne hai il controllo, e a lasciarlo andare quando non vuole più stare con te.

Non voglio sminuire quello che provi, ma ti assicuro che un esame più approfondito di quello che succede nel tuo cuore e nella tua mente ti porterebbe a capire che parte del tuo dolore non ha nulla a che vedere con quella specifica persona, ma piuttosto lo ha con il ruolo che ella ricopre nella tua vita, e con le tue debolezze e mancanze che va a colmare.

In questo caso la soluzione al nostro stare male per amore arriverà sostituendo il nostro partner, oppure (scelta più matura) affrontando un percorso di crescita personale.

Come smettere di soffrire per amore in 7 passi

Siamo finalmente arrivati al nocciolo della questione, e vedremo adesso un percorso che puoi seguire per smettere di soffrire per amore.

come smettere di soffrire per amore

1. Elabora le migliori strategie per cambiare la situazione

Prendi in considerazione questo punto solo se vale davvero la pena di fare un ulteriore sforzo per sistemare una situazione che per ora ti sta facendo solo soffrire.

Se sei stato lasciato/a, se non l’hai ancora fatto ti invito ad eseguire il test per verificare le tue probabilità di riconquista, e a leggere il libro Direzione Ritorno.

Se ti trovi invece nel caso di relazione instabile e amore non corrisposto, datti un tempo limite, entro il quale proverai a cambiare le cose o ad accettarle per quello che sono.

Superata la scadenza che ti sarai dato, prendi la decisione di chiudere definitivamente con quella persona.

2. Fase di disintossicazione

Inizia a questo punto la fase di disintossicazione, in cui dovrai evitare qualsiasi contatto con quella persona e liberarti mentalmente della sua presenza nella tua vita. Ecco quello che puoi fare:

  • Riprenditi le tue cose, e ridagli le sue che erano rimaste a casa tua
  • Elimina tutte le possibilità di incontrarlo/a casualmente
  • Poniti il divieto di guardare i suoi profili sui social network
  • Se il punto precedente non basta, eliminalo da tutti i social in cui siete amici, e cancella il suo numero
  • Metti via le vostre foto insieme, e gli altri oggetti che ti facciano pensare a lui/lei
  • Elimina o archivia anche tutti i vostri ricordi digitali: messaggi, foto e file.

È importante che la decisione di chiudere sia una decisione ferrea, dalla quale non c’è ritorno.

Se continuerai a nutrire anche solo un minimo di speranza, o se continuerai a sentire occasionalmente quella persona, bloccherai tutto il processo di guarigione e non riuscirai a riappropriarti della tua vita. Ecco quindi l’importanza di compiere gesti anche piccoli ma simbolici, che per te rappresentano la chiusura definitiva di quel rapporto, ed eliminare tutte le possibilità di cui disponi per pensarci.

Questa fase è difficile, ma ti prometto che poi tutto il resto sarà in discesa, e ne varrà la pena.

3. Interpreta in modo positivo la fine della vostra storia

Non è la situazione in sé, ma è l’atteggiamento che abbiamo nei confronti della stessa a determinare una grossa parte del modo in cui ci sentiamo.

Puoi scegliere di accettare il pensiero che la fine della vostra storia sia una tragedia, e che ora la tua vita sia rovinata, oppure puoi scegliere dei pensieri più positivi al riguardo.

Ti propongo qui di seguito alcune considerazioni e pensieri veri ed oggettivi (oltre che positivi) relativi alla fine della tua storia, e ti invito a farli tuoi, riflettendoci e facendoli risuonare nella tua anima fino in fondo:

  • Non esiste l’anima gemella, o la persona perfetta per noi, quindi quella che hai appena perso di sicuro non lo era.
  • Nel mondo ci sono miliardi di persone fantastiche, troverai presto una persona con cui starai decisamente meglio e che ti apprezzerà di più rispetto alla precedente.
  • Tramite la fine di questa storia avrai modo di metterti in discussione e migliorare come persona in molte aree della tua vita.
  • Quando guarderai indietro a questo momento, tra un paio d’anni, sorriderai con serenità, e con la consapevolezza che la tua vita è andata esattamente come doveva andare.
  • Ogni dolore è occasione di crescita, e ogni storia che finisce ci lascia delle lezioni di vita impagabili. Quindi questa esperienza ti aiuterà a temprare il tuo carattere e a renderti più forte

le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza

4. Elabora il dolore

Il dolore, inizialmente, sarà un tuo compagno di avventura, dovrai accettarlo e convivere con esso. Non cercare di fare finta di niente evitando il problema.

Datti, piuttosto, una quantità di tempo ben definita per elaborare il dolore e concentrarti su di esso. Io ti consiglio di prenderti da una a due settimane, in cui vivrai a pieno le tue emozioni negative, dando loro sfogo e focalizzandoti su di esse.

C’è un esercizio che ti consiglio di fare, che sicuramente ti aiuterà ad elaborare il dolore più rapidamente:

1. Ricorda uno dei momenti più belli passati insieme a quella persona

2. Soffermati su quel dolce pensiero per 4/5 minuti

3. Ora, mentalmente, immagina che questo momento venga trasformato in una fotografia che rimane nelle tue mani.

4. A questo punto appendi questa foto in un muro immaginario che rappresenta i tuoi ricordi.

5. Ripeti lo stesso esercizio per altri 5/6 momenti speciali vissuti con lui/lei

Se effettuerai questo esercizio tutti i giorni, per una o due settimane, ti aiuterà ad elaborare più rapidamente il dolore ed il tuo soffrire per amore si risolverà più rapidamente.

5. Ritrova la tua identità

Uno dei motivi principali dello stare male per amore dopo la fine di una relazione è che con quella persona che se ne è andata, ci sembra di aver perso una parte molto importante della nostra identità.

Rimanendo soli dopo aver vissuto mesi o anni insieme è normale sentirsi un po’ spiazzati e chiedersi cose come “che senso ha ora la mia vita?”, oppure “chi sono io senza di lui/lei?”.

È proprio per questo che devi iniziare a ritrovare la tua identità.

Tu c’eri prima di conoscere quella persona, e ci sarai sempre, a prescindere dal fatto che lei sia con te o meno.

Come scoperto da questa ricerca scientifica, ritrovare rapidamente una dimensione individuale dopo la fine di una relazione, permette di riottenere il benessere psicologico molto più rapidamente.

Ok, ma cosa devo fare concretamente?

  • Torna a coltivare il rapporto con i tuoi amici
  • Esci e divertiti
  • Riprendi i tuoi hobby che ultimamente avevi trascurato
  • Iscriviti ad un corso di qualcosa (salsa, teatro, yoga…) e conosci gente nuova
  • Fai qualcosa di nuovo, che non hai mai fatto in vita tua
  • Fai un viaggio, da solo o con i tuoi amici
  • Passa del tempo piacevole con la tua famiglia

Libro consigliato sull’argomento: Raffaele Morelli – Come Essere Single e Felici

6. Comprendi la differenza tra distrazione e progresso

A questo punto la tua vita è ripartita, almeno parzialmente, e sei sulla strada giusta per tornare a sentirti meglio e a smettere definitivamente di soffrire per amore.

Qual è l’ingrediente finale che devi inserire nella tua vita per completare il percorso?

Si tratta del concetto di “progresso“, che devi imparare a distinguere da quello di “distrazione”.

Te lo spiega brillantemente il dating coach Matthew Hussey nel video che segue.

 

7. Esci con altre persone

L’ultima fase, a cui dovrai passare solo quando sarai pronto, sarà quella di iniziare ad uscire con altri ragazzi o altre ragazze.

Evita di farlo troppo presto: per tornare ad essere interessante agli occhi degli altri devi prima rimetterti in sesto, ritrovare la tua stabilità ed una certa serenità nella tua vita.

Una persona bisognosa ed instabile giustamente non risulta appetibile sul mercato delle relazioni, e non potrà mai trovare un partner di valore.

Quando sarà il momento giusto, inizia a guardarti intorno, e vedrai che troverai una persona che non ti farà rimpiangere nulla del tuo ex o della tua ex. Abbi fiducia.

Bonus: come non soffrire per amore mai più

Adesso che sai come smettere di soffrire per amore, voglio darti qualche consiglio aggiuntivo per imparare a non ritrovarti mai più a stare male per amore, anche nelle tue relazioni future.

Effettuando un certo tipo di lavoro su noi stessi, è infatti possibile riuscire a limitare l’influenza che gli altri hanno sulla nostra felicità, a legarci solo alle persone che ci meritano, e a lasciare andare con serenità qualcuno quando non vuole stare più con noi.

1. Impara a stare bene con te stesso

È del tutto normale volere qualcuno al proprio fianco, sia dal punto di vista fisico che da quello affettivo, rientra infatti nei bisogni umani e non c’è niente di cui vergognarsi al riguardo.

Tuttavia passare da una relazione all’altra per incompletezza e bisogno di validazione è ben altra cosa.

Forse non sarà il tuo caso, ma ti assicuro che tanti ragazzi e tante ragazze proprio non sanno stare da soli, e saltano da una relazione all’altra perché non riescono a fare a meno di avere qualcuno al loro fianco che li faccia star bene.

È invece il caso di affrontare sé stessi, cercare la propria felicità all’interno e non all’esterno, ed iniziare ad uscire con altre persone solo quando sentiamo che la nostra vita ha già un senso grazie alle cose che abbiamo, e a quello che siamo.

Ecco, in ultima analisi si tratta proprio di questo: impara a trovare la tua felicità dentro di te, così nessuno avrà il potere di portartela via.

Come afferma Leo del canale youtube Actualized, l’amore vero non è rappresentato da due persone bisognose che si mettono insieme per completarsi, ma da due persone già felici e indipendenti, che decidono di affrontare un viaggio insieme verso una felicità ancora più grande. Ti lascio con un suo video sull’argomento.

 

2. Impara a dirigere l’amore verso chi lo merita

Cerca di vedere l’amore come una forza che ti appartiene, e che puoi dirigere verso chi vuoi tu.

Se fino a questo momento per qualche motivo l’hai diretta verso persone sbagliate, che non ti hanno ricambiato o che hanno calpestato la tua dignità, è giunto il momento di iniziare a pilotarla verso chi ti merita e ti fa sentire bene con te stesso.

Il legarsi sempre a persone che non ci rispettano è un pattern sospetto, che indica una scarsa autostima, e che non stiamo valorizzando noi stessi.

Succede a tutti almeno una volta nella vita, per sbaglio o per inesperienza, ma una volta capito che è un errore (perché di un errore si tratta) è necessario lasciarsi alle spalle quel rapporto, e cercare qualcuno di più adatto verso cui poter dirigere il nostro amore.

3. Impara a gestire la gelosia

Se il tuo soffrire per amore è causato dalla gelosia, e pensi che questo sia normale, devi cambiare per prima cosa il tuo modo di ragionare.

Molti credono che la gelosia sia un segnale che una persona è per noi importante, e che non esista amore senza gelosia, ma non c’è nulla di più falso.

La gelosia non è legata all’amore, ma alla paura di perdere l’altro e alla possessività, quindi non c’è niente di buono in essa. Le persone non sono oggetti, non possiamo possederle, neanche quando ci fidanziamo o ci sposiamo; dobbiamo perciò imparare a convivere con la mancanza di controllo sulla vita delle persone che amiamo.

Nella coppia del futuro non ci sarà spazio per l’idea di possesso.

Questo non significa che verrà meno la fedeltà, anzi! La fedeltà non significa controllare l’altro o stabilire regole rigide di comportamento. Fedeltà significa fiducia sincerità rispetto ad un patto che si vuole rispettare.

Lascia quindi libero il tuo partner di vivere la sua vita, prendersi i suoi spazi, stare con i suoi amici, coltivare i suoi hobby in autonomia e in libertà e interagire anche con l’altro sesso.

Se ti fidi non avrai neanche problemi a lasciar andare la tua ragazza al cinema con un suo amico, o il tuo ragazzo a ballare con una sua amica. Lo so che non è facile, ma chi sei tu per limitare la sua libertà? Chi sei tu per stabilire quello che può e non può fare?

Cerca di dargli valore senza chiedere rinunce in cambio, e vedrai che non vorrà andare da nessun’altra parte.

Se lasciandolo libero invece conoscerà qualcun’altro e deciderà di lasciarti, vuol dire che la vostra relazione non era abbastanza solida e sarebbe finita ugualmente; non eravate adatti l’uno per l’altra. Meglio scoprirlo prima in questo modo, piuttosto che dopo anni quando sarete magari già sposati con figli.

Libro consigliato sull’argomento: Harry Browne – How I Found Freedom In An Unfree World

gelosia

Bene, siamo arrivati alla fine del nostro percorso su come smettere di soffrire per amore.

Se hai trovato utilità in questo articolo, ti chiedo di dargli una valutazione di 5 stelle, e di seguire Carica Vincente sul blog, ma anche su Facebook e su Instagram.

Ti prometto che troverai tanta ispirazione per migliorare le tue relazioni, e in generale tutta la tua vita.

Buona fortuna per tutto 😉

Soffrire per amore: impara a non stare male per amore mai più!
voto 5 (su 6 totali)

Articoli correlati
Condividi sui tuoi social!