Storie con morale: i 3 racconti motivazionali che più ti ispireranno!

/ /
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin

In questo articolo ti presenterò 3 esempi di storie con morale: racconti motivazionali che sono sicuro saranno per te di grande ispirazione.

Infatti, una tra le più potenti forme di motivazione si può avere leggendo delle storie o delle biografie di successo.

Sono fondamentali per capire quali sono i tratti distintivi delle persone che davvero che l’hanno fatta nella vita; ti fanno comprendere inoltre che il percorso esistenziale è spesso pieno di difficoltà, sta a te riuscire a perseverare nonostante tutto.

I veri uomini si vedono da come sanno gestire le sconfitte. Perché sono tutti bravi ad andare avanti quando le cose vanno bene; non altrettanto vero è in caso contrario.

Dietro ogni storia motivazionale si nasconde una morale, un insegnamento prezioso che puoi cogliere ed interiorizzare, fino a farlo tuo. Ti consiglio di leggere anche le storie delle persone che più ti ispirano, di quelle che sono arrivate là dove vuoi arrivare, o che hanno quelle abilità che vuoi ottenere.

A questo link trovi delle interessanti biografie da leggere. Sono sicuro che ti saranno di grande aiuto nel tuo percorso verso il successo e la felicità.

3 esempi di storie motivazionali con morale

Di storie motivazionali che abbiano una morale dietro ce ne sono tante in giro. In questo contesto ne ho scelte 3 per te, che reputo particolarmente interessanti. Vediamole qui di seguito, cominciando da un esempio nel mondo del lavoro.

1. Il colonnello Sanders e la KFC

storie motivazionali con morale

C’era una volta un uomo anziano, completamente al verde, che viveva in una piccola casa e possedeva un’automobile malridotta. Andava avanti con gli assegni da 99$ della previdenza sociale.

Non valeva la pena vivere un’esistenza di stenti e così miserabile. Spinto dalla disperazione, decise ormai arrivato all’età di 65 anni che la sua vita doveva cambiare. Pensò così a cosa aveva da offrire.

Rimuginando tra sé e sé ad un certo punto si ricordò che i suoi amici erano rimasti entusiasti della sua ricetta di pollo. Decise che questa era la sua migliore arma a disposizione per cambiare.

Lasciò la sua piccola casa nel Kentucky e tutti i pochi averi che gli rimanevano per viaggiare attraverso diversi stati, provando a vendere la sua ricetta culinaria.

Il suo “piano di marketing” era dire ai ristoratori che aveva una pietanza da far venire l’acquolina in bocca. Proponeva di offrire la ricetta gratuitamente, in cambio di una piccola percentuale sugli articoli venduti. Sembrerebbe un buon affare, non è vero?

Purtroppo, non era così per la maggior parte dei ristoranti. Sentì dirsi di NO più di 1000 volte. Ma anche dopo tutti questi rifiuti, non si arrese. Credeva che la sua ricetta di pollo fosse qualcosa di speciale. Fu respinto per ben 1009 volte prima di sentire il suo primo sì.

Il resto della storia è attualità. La KFC conta ad oggi più di ventimila ristoranti del mondo, e ha cambiato il modo di mangiare il pollo negli Stati Uniti, ma non solo.

Questa storia presenta una doppia morale:

  • Non sei mai troppo avanti con l’età per cambiare la tua vita
  • Importantissimo è perseverare. Tenta finché non ce l’avrai fatta!

2. L’elefante legato con la corda

storie con morale

Un uomo distinto stava camminando attraverso un accampamento dove venivano addestrati degli elefanti e notò che questi non erano tenuti in gabbia o legati con delle catene.

Tutto quello che li tratteneva dallo scappare dall’accampamento era una piccola fune legata ad una delle loro gambe.

Dando un’occhiata più attenta alla mole dei pachidermi, il gentiluomo era profondamente confuso. Non riusciva a spiegarsi perché gli elefanti non usassero la loro forza per rompere la fune e scappare dall’accampamento.

Lo avrebbero potuto fare con una facilità disarmante, eppure se ne stavano là tranquilli.

Curioso di conoscere la risposta al suo quesito, chiese ad un addestratore nei paraggi perché gli elefanti stessero semplicemente là in piedi e non tentassero di scappare.

L’addestratore gli rispose:

Quando sono molto giovani e molto più piccoli usiamo funi delle stesse dimensioni per legarli. A quell’età ciò è abbastanza per trattenerli. Mentre crescono, sono condizionati a pensare di non essere ancora in grado di rompere la fune, così non tentano mai di liberarsi.”

La sola ragione per cui gli elefanti non tentavano di liberarsi e di scappare dall’accampamento era che con il tempo erano venuti a credere che semplicemente ciò non era possibile.

La morale di questa storia è la seguente. Non importa quanto il mondo tenta di combatterti, continua sempre con il pensiero che quello che vuoi ottenere sia possibile. Credere di poter aver successo in qualcosa è in realtà il passo più importante nel raggiungerla davvero.

3. La pietra in mezzo alla strada

storie motivazionali con morale-1

Questa è la storia di un re che visse molto tempo fa in un territorio molto lontano, oltre il mare. Era un re molto saggio e non risparmiava energie nel trasmettere le buone abitudini al suo popolo.

Spesso faceva cose che agli altri sembravano strane o insensate; ma tutto quello che faceva aveva l’intento di insegnare alla gente a impegnarsi ma con attenzione ai dettagli.

Diceva: “Nulla di buono può arrivare a una nazione, in cui c’è chi si lamenta e si aspetta che gli altri risolvano i loro problemi per loro. Le cose buone della vita vanno a coloro che sbrigano le questioni con le proprie mani.”

Una notte, mentre tutti gli altri dormivano, il re mise una grossa pietra sulla strada diretta al suo palazzo. Quindi si nascose dietro una siepe, e attese di vedere cosa sarebbe successo.

Per primo venne un contadino con il suo carro pesantemente carico di grano, diretto al mulino per macinarlo. “Che razza di noncuranza è mai questa” – disse il contadino, mentre deviava la sua squadra girando intorno alla pietra.

Perché queste persone pigre non hanno rimosso quella roccia dalla strada?” E così continuò a lamentarsi dell’inutilità degli altri, senza toccare la pietra da dove era.

Poco dopo, un giovane soldato venne a cantare lungo la strada; il berretto ondeggiava nella brezza ed una spada scintillante pendeva al suo fianco. Pensava a quanto coraggioso si sarebbe mostrato in battaglia.

Il soldato non vide la pietra ma il suo piede urtò contro di questa, con il risultato che lui cadde nella polvere.

Si alzò in piedi, scosse la polvere dai suoi vestiti, raccolse la spada e imprecò rabbiosamente rivolto alle persone pigre e al perché avessero lasciato una pietra così grossa sulla strada. Poi anche lui se ne andò, non pensando di poterla rimuovere lui stesso.

Quindi il giorno passò. Tutti quelli che arrivavano si lamentavano e piagnucolavano perchè la pietra giaceva sulla strada, ma nessuno la toccò.

Alla fine, proprio al calar della notte, arrivò la figlia del mugnaio. Era una ragazza che non si risparmiava, aveva lavorato tutto il giorno nel mulino ed ora era molto stanca.

Ma disse tra sé e sé: “È quasi buio, qualcuno potrebbe cadere su questa pietra nella notte e forse potrebbe ferirsi gravemente. La sposterò dal mezzo della strada.”

Così cerco di muovere la pesante pietra, tentò e tentò ancora, fin quando non ci riuscì. Con sua grande sorpresa scoprì che sotto di questa vi era una scatola.

Sulla scatola vi era inciso: “Questa scatola appartiene a chi rimuove la pietra.” La aprì scoprendo che era piena d’oro! Così la figlia del mugnaio si recò a casa colma di gioia.

Quando il contadino ed il soldato vennero a conoscenza di quello che era successo, si riunirono intorno al punto dove era situata la pietra, sperando di trovare un pezzo d’oro.

“Amici miei” – disse il re – “Incontriamo spesso ostacoli e oneri sulla nostra strada. Potremmo protestare ad alta voce cercando di passargli intorno se lo scegliamo, oppure possiamo sollevarli e scoprire quello che significano. La delusione è spesso il prezzo della pigrizia.

Morale della storia: ogni ostacolo che incontriamo ci dà l’opportunità di migliorare la nostra situazione, e mentre le persone pigre tendono a lamentarsi, gli altri creano opportunità attraverso il proprio buon cuore, la propria generosità e la volontà di concludere quello che si è cominciato.

Bene, spero che queste tre storie motivazionali con morale ti siano state di grande ispirazione. Per altri contenuti di questo genere ti rimando alla sezione motivazione del nostro blog Carica Vincente.

Non dimenticare di seguirci anche su Facebook e Instagram, dove ogni giorno vengono pubblicate nuove frasi motivazionali e i nostri nuovi articoli

Storie con morale: i 3 racconti motivazionali che più ti ispireranno!
voto 5 (su 6 totali)

Articoli correlati

Lascia un commento