Voglio essere felice: come posso riuscirci?

voglio essere felice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti trovi spesso a pensare “vorrei solo essere felice”? Ti piacerebbe sapere cosa fare esattamente per aumentare la qualità della tua vita?

In questo articolo imparerai come smettere di domandarti “voglio essere felice, cosa devo fare?” Perché leggendolo capirai esattamente quali azioni compiere per migliorare la tua vita fin da subito.

Per la maggior parte delle persone la felicità è una destinazione, un qualcosa di indefinito da raggiungere in un ipotetico futuro. Quasi nessuno imposta la sua ricerca della felicità nel presente, cercando di essere felice proprio in questo momento.

Puoi essere felice indipendentemente dalle difficoltà che stai vivendo, dal lavoro che svolgi, dagli amici che hai, o dagli obiettivi che hai raggiunto, ma per riuscirci dovrai applicare le strategie che sto per condividere con te.

Il mio consiglio è quello di scegliere una di queste tre azioni e di applicarla subito e con costanza per le prossima settimane, fino a farla diventare un’abitudine. Successivamente dovrai scegliere un’altra azione e fare la stessa cosa. In questo modo migliorerai la qualità della tua vita in poco tempo.

1. Vivi una vita in cui ti riconosci

La maggior parte delle persone che si ripetono spesso “vorrei essere felice” devono tenere in considerazione che più si vive una vita in cui ci si riconosce totalmente e più si può raggiungere serenità, beatitudine e gioia.

Frequentare una facoltà universitaria che non ci piace, fare un lavoro che non ci entusiasma minimamente, avere degli amici che non hanno i nostri stessi valori sono solo alcuni dei modi principali con i quali le persone si legano all’infelicità.

Seguire ciò che dicono familiari, parenti e amici non sempre ci avvicina ad una vita serena perché gli altri non possono sapere cosa ci appassiona veramente.

Devi seguire i tuoi obiettivi, vivere una vita che sia fedele alle tue aspirazioni più grandi e ai tuoi valori e non a quelli di altre persone. Altrimenti ti ritroverai a chiederti “voglio solo essere felice come mai non ci riesco?”

Ci sono cose che ami fare, posti che ti piace frequentare e persone con le quali stai davvero bene e tutto questo ti aiuta ad essere più felice. Se invece non segui i tuoi sogni ma accetti che a dirigere la tua vita sia l’opinione di altre persone, farai più difficoltà a vivere nella gioia.

Le persone più felici sono quelle che hanno trasformato la loro passione più grande nel loro mestiere. Non sono persone diverse da te: sono persone normali che hanno trovato il coraggio di vivere una vita in cui si riconoscono e non accettano nulla di meno.

Probabilmente la principale causa che crea sofferenza e che porta le persone a dirsi spesso “voglio essere felice” è che non vivono seguendo le loro aspirazioni più elevate.

Puoi vivere tutta la tua vita nel modo in cui gli altri si aspettano che tu faccia, oppure puoi vivere seguendo le tue inclinazioni più profonde. Ecco un modo per riuscirci:

  • Individua le tre attività che più di tutte ti piace svolgere
  • Dedicagli più tempo possibile, senza badare a ciò che ne pensano gli altri

Svolgere le attività che ci appassionano di più ci permette di essere più felici. Dopo aver individuato le tre attività che davvero ami svolgere (prenditi tutto il tempo che ti serve per trovarle), cerca di creare un progetto per ognuna di queste attività.

Se per esempio ti sei reso conto che ami scrivere, ma per via del lavoro e degli impegni non stai scrivendo più da diverso tempo, puoi porti l’obiettivo di scrivere un libro di 100 pagine. Se ami dipingere, puoi porti l’obiettivo di dedicare un’ora ogni sera a questa attività. Fare più spesso le attività che ami è il primo passo per vivere una vita che sia fedele a ciò che davvero vuoi.

Nel libro “Vorrei Averlo Fatto” Bronnie Ware racconta la sua esperienza quando dava assistenza ai malati terminali e descrive i cinque rimpianti più diffusi di chi si trova alla fine della sua vita. Il rimpianto più comune nelle persone in punto di morte è:

“Vorrei aver avuto il coraggio di vivere una vita come volevo io, non come gli altri si aspettavano da me”

Ma perché aspettare di trovarsi in punto di morte per vivere la vita che realmente vogliamo? Perché non iniziare oggi a dedicare più tempo a ciò che davvero amiamo fare?

La risposta è che abbiamo paura. Paura dell’opinione degli altri e di ciò che potrebbero dire di noi.

Tuttavia per essere felici, dobbiamo avere il coraggio di dare la priorità ai nostri sogni. Per non avere rimpianti in futuro dobbiamo vivere al massimo il presente.

Per essere facilitato nel trasformare la tua vita in questo senso, ti consiglio di leggere il nostro articolo su come cambiare vita in 5 passi.

2. Agisci come se già fossi felice

Uno dei metodi più rapidi per migliorare la propria felicità consiste nel parlare, pensare e agire come se già fossimo felici. Spesso le persone si domandano “vorrei essere felice ma come posso fare per diventarlo?” La risposta è semplice: fingi di esserlo. Chiediti:

  • Cosa penserei di me e della vita se fossi felice?
  • Cosa farei di diverso se fossi una persona felice?
  • Di cosa parlerei durante il giorno se fossi davvero sereno?
  • Con quanta sicurezza mi muoverei se fossi gioioso e sorridente per tutta la giornata?
  • Quanta importanza darei alle mie piccole imperfezioni, alle piccole mancanze di gentilezza da parte delle altre persone, ai piccoli problemi o contrattempi quotidiani, se nel complesso fossi pienamente felice e soddisfatto della mia vita?

Questo domande ti aiutano a capire cosa faresti di diverso se fossi realmente felice. Il passo successivo consiste nel comportarti come se già lo fossi.

Appena ti alzi fai un bel sorriso, pensa a come sarà straordinaria la tua giornata e focalizzati sul provare gratitudine per tutto ciò che hai. Durante la giornata concentrati sull’essere il più felice possibile e passa del tempo a svolgere le attività che più ti piacciono in compagnia delle persone che ami.

Per diventare più felice bisogna per prima cosa scegliere di volerlo essere davvero. Questa decisione va presa con fermezza e poi bisogna agire di conseguenza. Naturalmente è una scelta che ha delle conseguenze (solo positive) e le più comuni sono:

  • Inizierai ad allontanare dalla tua vita le persone che ti buttano giù continuamente
  • Ti sforzerai di cambiare le tue abitudini
  • Cercherai di migliorare la qualità della tua vita
  • Toglierai del tempo a tutte le attività che non ti fanno stare bene

Bisogna scegliere di essere felici, sostituendo “voglio essere felice” con “sono felice“.

Si tratta di una piccola finzione che il cervello però non riconosce, in quanto se agisci da persona felice diventi automaticamente più felice. Se fai i pensieri di una persona allegra, diventi più allegro. Naturalmente vale anche il contrario e quindi se fai i pensieri di una persona triste, diventerai più infelice.

L’unica difficoltà che ci può essere nell’applicare questo metodo consiste nel sentirsi un po’ a disagio inizialmente, perché si sa che si sta fingendo. Tuttavia se ti impegnerai davvero e ti impegnerai ad agire come se già fossi felice, preso dal “recitare la tua parte” ti assicuro che ti dimenticherai che era solo un trucco e metterai in atto le azioni che davvero miglioreranno la qualità della tua vita.

3. Sii propositivo

Essere propositivi significa ricercare in modo attivo le soluzioni ai propri problemi, i cambiamenti necessari da compiere per migliorare la propria vita ed essere più soddisfatti e felici.

In fin dei conti tutto può essere ridotto ad un’unica domanda, e alla risposta che dai ad essa: “come posso migliorare questa determinata area della mia vita?

Questa semplice domanda è in grado di generare un flusso continuo di cambiamenti positivi e graduali. Bisogna porsela il più spesso possibile ed avere un atteggiamento mentale rivolto sempre alla propria crescita personale.

Se nelle tue priorità fai rientrare il tuo miglioramento continuo, diventerai senz’altro molto più felice.

Un altro concetto importante legato al cambiamento e alla crescita personale è quello di affrontare tutto ciò che in passato ti ha limitato e che oggi potrebbe non limitarti più.

Riguardo a questo è stato fatto un esperimento molto interessante di cui voglio parlarti.

Due scienziati, misero un divisorio di vetro tra due pesci, uno dei quali dava la caccia all’altro. All’inizio il predatore batteva ripetutamente contro il vetro, ma alla fine rinunciò. Si abituò presto alla nuova situazione e capì che il suo spazio era stato limitato. Dopo un certo periodo di tempo, lo sperimentatore tolse il divisorio, ma i pesci continuarono a nuotare placidamente nelle loro rispettive sezioni.

Come per i pesci, anche per l’uomo vale lo stesso discorso: la nostra natura di esseri abitudinari ci condiziona profondamente. Di tanto in tanto verifica se ciò che ti limitava in passato ti limita ancora oggi perché potresti scoprire che non è più così, e in questo modo trovare la forza di rompere le catene che ti limitano e ti tengono legato all’infelicità.

Siamo alla fine di questo articolo su come migliorare la qualità della tua vita. Se vuoi approfondire l’argomento leggi: “come essere felici: 8 strategie basate sulla psicologia

Danilo
Danilo
Ciao! Mi chiamo Danilo e faccio il mental coach. Tengo corsi e consulenze per aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi, insegnandogli ad esprimere il loro vero potenziale e a raggiungere la felicità.

Leggi anche:

Lascia un commento