Come uscire dalla zona di comfort: 3 tecniche per cambiare la tua vita

zona di comfort
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Come uscire dalla zona di comfort?

In un mondo in cui la concorrenza si fa sempre più spietata ed in cui i ritmi sono in continua accelerazione, coloro che sono disposti a prendere rischi, ad uscire dalla zona di comfort (o comfort zone) e a porsi in uno stato di ansietà derivante dall’incertezza, saranno quelli che otterranno i benefici più grandi per la propria autostima, felicità e successo personale.

In questo articolo parleremo in modo approfondito del concetto psicologico di zona di comfort, dopodiché ti spiegherò tutti i benefici derivanti dall’uscirne, e ti fornirò 3 sorprendenti esercizi che potrai svolgere per allargare enormemente la tua zona di comfort.

Siamo quasi pronti per iniziare! Voglio però per prima cosa invitarti ad effettuare un rapido test online sull’autostima, che ti fornirà una risposta chiara e numerica riguardo il tuo attuale livello di sicurezza.

Rispondi alle 22 domande in modo sincero, e scopri qual è il tuo punto di partenza!

Qual è il tuo livello di autostima e sicurezza?

Zona di comfort: cos’è?

La zona di comfort è uno spazio comportamentale ed uno stato psicologico in cui una persona si trova a suo agio, in totale controllo della situazione che sta vivendo. La mancanza di fattori di incertezza fa sì che la persona avverta livelli molto bassi di stress e di rischio, e si senta pienamente in grado di svolgere l’attività desiderata/richiesta senza alcuna paura.

E’ molto facile “misurare” la propria zona di comfort, in modo da comprendere fin dove si espande, e quali sono i suoi attuali confini. A tale scopo è infatti sufficiente riflettere su quali attività possono essere svolte senza alcuno stress, e quali invece generano in noi preoccupazione, ansia e paura.

Se ad esempio per te non rappresenta un problema fermare per strada una persona sconosciuta al fine di chiederle delle informazioni, ciò significa che quell’azione rientra nell’ambito comportamentale e psicologico della tua zona di comfort.

Se invece solo al pensiero di dover fermare uno sconosciuto inizi a sentire ansia e stress, quello è il segnale inequivocabile del fatto che l’azione si trova al di fuori della tua comfort zone.

Zona di comfort: psicologia

L’idea di zona di comfort risale ad un esperimento classico nella psicologia. Nel 1908, gli psicologi Robert M. Yerkes e John D. Dodson spiegarono che uno stato di relativo comfort è alla base di un livello stazionario di performance.

Per massimizzare i risultati, tuttavia, c’è bisogno di uno stato di leggera ansia: uno spazio in cui i propri livelli di stress sono leggermente più alti di quando ci si trova all’interno della propria zona di comfort.

Questa regione è chiamata zona di ansia ottimale, o zona di apprendimento, e si trova giusto al di fuori della zona di comfort. Troppa ansia invece causa un livello eccessivo di stress, per cui le performance scendono in maniera considerevole. Si parla in questo caso di zona di panico.

uscire dalla zona di comfort.

L’idea dell’ansia ottimale non è niente di nuovo o di sorprendente. Chiunque si sia mai impegnato per raggiungere qualcosa di significativo nella propria vita, sa che i risultati migliori arrivano proprio quando ci si mette alla prova, uscendo leggermente dalla propria zona di comfort.

Tuttavia, esagerare in questa direzione è solo controproducente. Spingersi troppo al di fuori del normale stato di tranquillità, e raggiungere la cosiddetta zona di panico, genera solo un allarme nel proprio cervello che bloccherà completamente le performance e tenterà di ristabilire l’equilibrio perduto.

Immagina a tal proposito un ragazzo giovane che non ha mai parlato in pubblico, e che normalmente si trova a disagio anche quando vorrebbe esprimere la sua opinione di fronte al suo gruppo di amici. Se questo ragazzo viene messo di fronte ad un’aula di 100 persone, e costretto a parlare al microfono, pensi che otterrà un buon risultato?

Esatto… il nostro ragazzo entrerà nella zona di panico, si bloccherà, ed il suo cervello farà tutto il possibile per ricondurlo all’interno della sua zona di comfort. Molto probabilmente scapperà via dall’aula senza essersi neanche presentato!

Uscire dalla zona di comfort

Diciamoci la verità: ognuno di noi odia uscire dalla zona di comfort. A tutti fa piacere restare nello spazio conosciuto, dove tutto è sotto controllo, e dove ansia e stress non rappresentano una minaccia.

La comfort zone è familiare e sicura, mentre le situazioni nuove o inaspettate generano in noi sentimenti scomodi, e perciò tentiamo di evitarle ad ogni costo.

Possiamo facilmente affermare che quella di tentare di rientrare nella propria zona di comfort è una tendenza naturale e automatica di chiunque si trovi a vivere una situazione di disagio, ma non sempre è la cosa giusta da fare se si vuole costruire qualcosa di significativo nella propria vita.

uscire dalla zona di comfort

Se scegli sempre di rimanere nella tua zona di comfort, non scoprirai mai quello che è il tuo vero potenziale o quello che sei capace di raggiungere nella vita. Nessuno può veramente aver successo in qualcosa senza avventurarsi al di fuori della comfort zone.

Provando cose nuove, e sottoponendosi a nuovi stimoli, la zona di comfort inizierà poco a poco ad espandersi in modo da accompagnare verso un più elevato livello di sicurezza e autostima.

Tuttavia va sempre tenuto a mente il fatto che l’esposizione ai nuovi stimoli, alle novità e alle situazioni che ci mettono in uno stato di ansia, andrebbe effettuata in modo graduale, e mai eccessivo, in modo da ritrovarsi nella zona di apprendimento, piuttosto che in quella di panico.

Di seguito ti indico un elenco di gesti o azioni che puoi fare per uscire dalla tua zona di comfort. Questi sono solo degli esempi, ma potrai trovarne tantissimi altri anche da solo, ragionando su quelli che sono stati fino ad oggi i tuoi limiti, e pensando alle modalità tramite cui superarli.

P.S. Non tutte le azioni che ti proporrò sono necessariamente legate al sentimento di ansia e disagio. Uscire dalla zona di comfort a volte equivale semplicemente a provare qualcosa di nuovo, in modo da espandere la propria visione del mondo e superare dei limiti esistenti in precedenza. Ecco di seguito la lista di azioni consigliate in questo senso:

1. Rompi una routine o una abitudine che hai avuto per lungo tempo e trova una maniera differente, forse migliore di fare quell’azione.

2. Se sei una persona tipicamente sedentaria, fai una pausa dal leggere o dal computer e trova una attività fisica da fare. Se al contrario sei una persona molto attiva, trova il modo di rilassarti, leggere e calmarti.

3. Leggi un libro, guarda un film o ascolta la musica in un modo che non ti è familiare. Se ti piacciono i romanzi criminali prova a leggere una interessante biografia; se ti piacciono i film di azione prova una commedia romantica; se di solito ascolti musica rock prova un po’ di musica jazz.

4. Se sei una persona timida e hai problemi a parlare di fronte al pubblico, unisciti ad un gruppo come Toastmasters International. In queste comunità sei incoraggiato a parlare di fronte agli altri usando tecniche propositive e molto utili. Facendo pratica ti sentirai meno a disagio e più tranquillo.

5. Vai ad un ristorante etnico e prova un piatto differente rispetto a quelli a cui sei abituato. Stimolerà le tue papille gustative e possibilmente ti aprirà ad una nuova cucina.

6. Prova a svolgere attività di volontariato e renditi conto di quanto sia piacevole aiutare gli altri socializzando con nuove persone.

7. Impara una nuova lingua e partecipa a dei tandem linguistici con persone straniere che non conosci, per fare pratica e superare quel senso di disagio che si prova quando si parla una lingua diversa dalla propria.

8. Fai qualcosa che non è da te. Se non hai mai pensato di ballare, iscriviti ad un corso di salsa. Se di solito non organizzi mai nulla, invita tutti i tuoi amici a casa tua per una cena o una festa. Se sei una persona poco sportiva, prova ad andare a correre o a fare yoga!

zona di comfort psicologia

Esercizi per uscire dalla zona di comfort

Esistono anche degli esercizi che puoi svolgere per abituarti ad allargare la tua zona di comfort. Vediamo tre esempi classici, molto celebri nel mondo della crescita personale, che faranno un’enorme differenza nella tua vita se inizierai ad applicarli con regolarità:

1. Dal dolore al potere

Il primo passo consiste nel creare un grafico che va dal dolore al potere ed appenderlo su di una parete, in maniera tale da visualizzarlo frequentemente e registrare i progressi.

Per potere possiamo considerare una situazione nella quale si ha la capacità di reagire alle problematiche della vita in maniera libera e sicura. Ciò permette di risolvere facilmente le varie situazioni che si palesano e di raggiungere uno stato di felicità e appagamento.

Per dolore si considera invece una situazione di blocco nella quale non si riesce ad apportare nella propria vita i cambiamenti desiderati. Gli individui che ne sono soggetti utilizzano spesso parole come “ma” e “se” che sono causa del blocco.

la linea verso la libertà

Nel diagramma dolore-potere dovrai segnare la posizione in cui pensi di trovarti attualmente. Starà a te giudicare se ti trovi nel mezzo, oppure più avanti o più indietro. C’è da dire, inoltre, che la condizione di potere completo non è facilmente raggiungibile in quanto nella vita ci sono sempre nuove sfide da affrontare.

Una volta che avrai individuato la tua posizione nel grafico dovrai monitorare l’evoluzione della tua situazione. Ogni volta che intraprenderai un’azione ti chiederai se facendola ti starai spostando nella direzione di potere o meno.

Una cosa molto importante è che si potrebbe fare un grafico per diverse aree della tua vita. Per ottenere il massimo da sé stessi occorre compiere passi in avanti in diversi campi, come ad esempio nel lavoro, nelle relazioni sociali e in amore.

2. L’esercizio dei 30 giorni

Questo esercizio è molto interessante e consiste nell’elencare una serie di azioni che ti mettono a disagio, oppure in un leggero stato di ansia. In particolare ne dovrai individuare una trentina, ordinandole dalla più facile alla più difficile.

Il passo successivo sarà quello di prendersi un mese di tempo per svolgere ogni giorno una di queste azioni, espandendo quindi la zona di comfort in modo graduale ma efficace.

Al termine dei 30 giorni sarai una persona più sicura di sé e dei propri mezzi, e ti troverai più a tuo agio nel compiere azioni che prima ti mettevano in grande difficoltà. Sarai riuscito in brevissimo tempo ad espandere la tua zona di comfort!

La vita inizia alla fine della tua zona di comfort (cit. Neale Walsh)

Se vuoi seguire un percorso estremamente efficace per uscire dalla zona di comfort ed aumentare la tua autostima, ti consiglio la guida Sicuro di te in 60 giorni, che raccoglie un insieme di esempi, esercizi ed indicazioni pratiche per aiutarti ad uscire in modo definitivo dalla tua zona di comfort.

È un percorso impegnativo, nel senso che dovrai dedicarci tempo ed energia tutti i giorni, per ben 2 mesi, quindi ti consiglio di intraprenderlo se e solo se sei davvero motivato a stravolgere la tua vita in meglio.

Gli effetti sono straordinari. Puoi scaricare un estratto gratuito della guida, in modo tale da capire se può veramente fare al caso tuo. Lo trovi qui. 

3. La regola dei 5 secondi

La sostenitrice dei questa terza tecnica è la scrittrice americana Mel Robbins.

Spesso ci capita di trovarci in situazioni in cui vorremmo compiere un’azione, come ad esempio intervenire in una discussione, o approcciare una persona nuova per conoscerla o semplicemente per farle un complimento disinteressato.

Riflettiamo a lungo prima di compiere quell’azione, iniziamo ad immaginarci tutti i possibili scenari delle reazioni degli altri, comincia a salire in noi l’ansia, fino a quando non ci ritroviamo definitivamente bloccati e decidiamo di non fare nulla.

La regola dei 5 secondi ci dice che dobbiamo agire in meno di 5 secondi, per non dare il tempo al nostro cervello di trovare motivi per non fare ciò che volevamo fare, riportandoci all’interno della nostra zona di comfort.

Prova anche tu a seguire per un mese di tempo la regola dei 5 secondi, e ti assicuro che la tua vita cambierà di colpo. Magari farai qualche figuraccia, ma chissenefrega? Contemporaneamente starai acquisendo ogni giorno maggiore consapevolezza, esperienza, fiducia nei tuoi mezzi e capacità di controllare le tue emozioni.

Benefici dell’uscita dalla comfort zone

Vediamo adesso perché è così importante che tu ti metta alla prova, uscendo dalla tua zona di comfort. Quali sono insomma i grandissimi benefici di cui potrai godere se seguirai i consigli e applicherai gli esercizi sopra descritti.

1. Sarai in grado di fronteggiare più prontamente i problemi della vita

Quando la tua zona di comfort sarà abbastanza estesa e tu sarai abituato ad espanderla costantemente, affrontare i nuovi problemi non sarà più difficile per te. Sarai pronto ad elaborare una strategia per superarli.

2. Sarai meglio equipaggiato per analizzare il mondo che ti sta intorno

Affrontando quotidianamente nuove problematiche, avrai l’esperienza, l’ispirazione e l’illuminazione necessarie per darti una spinta in più nell’analisi di ciò che ti sta intorno.

3. Aumenterai la tua produttività

La gente tende di solito a rimanere nella propria comfort zone ed evitare le sfide. Così facendo la nostra produttività ne risente negativamente. E’ solo avendo quel leggero senso di disagio che deriva dall’affrontare scadenze e nuove situazioni che potremo aumentare la nostra produttività.

4. Le situazioni nuove e le nuove esperienze non ti spaventeranno più

Con il passare del tempo ti abituerai a fronteggiare il disagio che deriva dall’uscire dalla tua zona di comfort, e riuscirai a spingerti sempre di più al di fuori di essa. Essendo capace di prendere dei rischi calcolati, non avendo paura di provare nuove cose e mettendoti continuamente alla prova, diventa più facile essere aperti a nuove esperienze.

5. Ti sentirai più sicuro di te e maggiormente autorealizzato

Uscire dalla zona di comfort genera ansia. Tuttavia senza mettersi alla prova è impossibile aumentare la propria sicurezza e sentirsi realizzati nella vita. La felicità e l’autostima arriveranno a coloro i quali avranno avuto il coraggio di fare cose difficili, mettendosi alla prova, e guadagnando giorno dopo giorno un maggiore amor proprio e rispetto per sé stessi.

6. Sarai molto più motivato a raggiungere i tuoi obiettivi

Il cambiamento porta novità e la novità stimola chimicamente il tuo cervello facendoti sentire felice e motivato a raggiungere di più.

7. Allargherai i tuoi orizzonti a livelli inimmaginabili

Quando avrai iniziato a metterti alla prova, inizierai ad esplorare e scoprire sempre più cose nuove. Pensa quanto potrà diventare straordinaria la tua vita, quante persone e situazioni inimmaginabili riuscirai ad attrarre e a vivere. Tutto questo aumenterà enormemente la tua felicità.

Conclusioni

In conclusione, con questo articolo ti ho spiegato nel modo più semplice possibile cos’è la zona di comfort e cosa puoi fare per espanderla in modo da trasformare la tua vita in qualcosa di meraviglioso.

Se sei davvero determinato ad uscire dalla zona di comfort e cambiare la tua vita ti invito a seguire il percorso indicato nell’ebook Sicuro di te in 60 giorni.

Ha già aiutato tante persone a superare i propri limiti e ad iniziare a vivere una vita totalmente nuova. Sono sicuro che potrà essere utile anche a te. Scarica l’estratto gratuito!

Mi auguro che questo articolo sulla zona di comfort ti sia stato d’aiuto, e possa esserti di ispirazione per portare avanti il tuo percorso di crescita personale.

Per altri contenuti analoghi, ti invito a visitare la sezione Autostima del nostro blog Carica Vincente.

A presto 🙂

Andrea
Andrea
Ciao! Mi chiamo Andrea e sono co-fondatore del progetto Carica Vincente. Mi piace occuparmi di molte cose differenti nella vita, in particolare sono appassionato e grande sostenitore del miglioramento continuo e della crescita personale. Sono autore degli e-book Ultramotivazione e Produttività Zen.

Leggi anche:

Un commento su “Come uscire dalla zona di comfort: 3 tecniche per cambiare la tua vita”

Lascia un commento